MEFISTOFELE

In quale bosco era nascosto il tuo mantello nero?

In quale nascondiglio tieni la tua arma più pericolosa?

Quale viso e sguardo terrai per tutto il viaggio senza ritorno?

Vieni ad accarezzare la mia anima per prendermi il cuore?

Suadente come serpente, suadente come il Supremo Signore del dolore.

Vieni a slacciare nodi e a scoprire incertezze,

tutte le debolezze vorresti scovare per prenderti subito il tuo piacere.

Ora allunga i tuoi occhi e rendi i miei più profondi,

scorgi l’ultimo bagliore di umanità nel mio abbandono alla tua perversione.

Due anime nere si riconoscono dall’odore,

tu hai annusato poco il mio carbone!

Svetta la mia aureola nel buio che ci avvolge

ma è luce fredda quella che tu vedi nel mio cuore.

Mio Demone e Signore, accettato il patto, avrai accesso

al mio spirito immune dalle fiamme e potrai darvi la scintilla

per farmi svanire nel nulla.

Io sono tua cenere voglio diventare, polvere nelle tue mani,

sotto i tuoi piedi giacere come pulviscolo di cometa

che tu hai spento col tuo potere.

5230

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s