ARIANNA è IL MINOTAURO

Quale luce brilla senza brillare?

Quale buco nero assorbe senza affondare?

Solitaria bestia feroce. La mia tana è nascosta alla fine del sentiero distorto.

La mia tana è un labirinto senza uscita.

Entrare nel gioco di vie impossibili e oscurità che dispiego come carte da gioco.

Il minotauro è arianna.

Il mostro è la fanciulla che ti conduce dentro la tana.

Lontano è il cacciatore. Lontano è il mio padrone.

Nessuna attesa io posso più sopportare.

Nessuna pazienza io posso avere.

Una rassicurazione, una sola parola, che lui aspetti me,

che lui aspetti la sua preda feroce, che mi sbraci almeno

quando metterà di nuovo le sue grinfie sul mio seno.

Che mi sbrani almeno, come cibo prelibato,….

Mio padrone, questa attesa mi sta consumando,

mi sta sfibrando, mi sta esaurendo.

Sono appesa ad un filo di arianna, che io stessa tesso,

che io stessa allungo all’infinito, per destino avverso,

per fato contrario,….che il premio finale ne sia valso questo dolore!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s