IL MIO VUOTO

Lecca il mio vuoto

per farti perdonare

l’inferno che mi hai fatto penare.

Lecca il mio vuoto e supplica con devozione,

perché le cose belle le ho dimenticate d aun pezzo.

Ero morta, ora sono morta di nuovo.

Ho rifiutato maestri eccelsi,

per amore di un paggetto inesperto.

Ho rifiutato sommi padroni

per uno scudiero dall’amore insicuro.

Quale sguardo ha reso ciechi i miei occhi?

Quali occhi han reso cieco il mio cuore?

Il dolore di scoprire un inganno

è ghigliottina per il mio sonno.

Il dolore di non saperti mio

è testa tranciata per il mio corpo.

L’amore è così invisibile

che solo tu non riesci a vederlo.

L’amore è così potente

che sono io non riesco a controllarlo.

I miei occhi si chiudono

ma i tuoi rimangono aperti.

Advertisements

2 thoughts on “IL MIO VUOTO

  1. G. says:

    Mi piacciono le tue poesie. Non montarti la testa ma penso sia la prima volta che lo dico a qualcuno.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s