SOTTOVETRO

Sono una mosca sotto il bicchiere di vetro

che hai posato su di me.

Sono una mosca che hai catturato

senza nemmeno provare a catturarmi.

Sottovetro le mie ali sbattono velocissime,

tu mi guardi e aspetti che io smetta di agitarmi

per mangiarmi in un solo boccone.

La mia carne di mosca bianca ti piace,

non è come quella di plastica che trovi in giro,

la mia carne bianca ti attira e ti rende audace

nel prendermi così sotto la tua protezione.

Io posso cambiare per te,

io posso diventare ciò che tu vuoi che io sia,

posso smettere di essere mosca, farfalla, insetto

e diventare l’animale che tu preferisci.

Anche se porto le ali tu potrai staccarmele,

anche se ho un cuore tu potrai eliminarlo,

anche se ho una voce tu potrai zittirmi,

anche se ho due labbra chiuse tu potrai baciarmi

ed entrare dentro il mio cadavere

per farmi resuscitare da questo letargo invernale

e farmi fiorire come la tua più bella orchidea rosa.

Io vestirò i panni di quel sogno che tu hai sognato finora,

io vestirò dei tuoi pensieri e dei tuoi desideri

e sarà questo il mio vestito migliore.

Presto! Fai presto!

Io non posso più aspettare di morire

nelle tue forti mani.

Ho il crepacuore, sospiro e….

Catturami, non voglio più volare come una mosca

ma voglio stare sottovetro sulla tua scrivania.

images

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s