CASTELLI DI DOLORE

Hai costruito così bene

castelli di dolore sulla mia anima

che dopo il tuo perdono

le torri continuano a svettare

contro il cielo azzurro.

Hai cucito così bene

le mie labbra e la mia lingua

che anche dopo aver tolto il morso

io rimango zitta e non chiedo di parlare.

Sei così subdolo e perfido

da costruire tutto e non farlo da solo,

perchè le emozioni che procuri

sai che dentro di me già ci sono,

e le volgi a tuo favore

come un bravissimo prestigiatore.

Hai già scavato sotterranei nel castello

così da poter arrivare a me

senza farti nemmeno vedere,

ed io nel cortile che cavalco

non mi rendo conto di galoppare

sul desiderio di poterti avere.

Magicamente impressa

la tua faccia sul mio viso,

non so come hai incollato

questo tuo ghigno

al mio sorriso,

ma mi rimane dentro

la tua figura di mostro

che adoro più di ogni principe che conosco.

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s