THE KING

Principi sono passati in molti

sotto le finestre del mio castello.

Cavalieri alati e non,

con spade fiammeggianti

ed elmi argentei e infrangibili.

Guerrieri di ogni tipo,

coraggiosi e ardimentosi,

tutto dichiaravano

lo stesso amore,

lo stesso desiderio.

Ogni loro arma era buona

per farmi cambiare decisione,

ogni loro rosa era un dono così scontato

che mai le ho messe in un solo mio vaso!

Quanti canti e quante poesie ho ricevuto,

io, piccola sovrana di un regno così oscuro,

ch’essi non ne hanno mai visto il confine.

Quante lotte hanno fatto

per donarmi il frutto migliore,

colto dall’albero del mio giardino,

scontrandosi per ottenere il mio dolce favore.

In mezzo a tanto caos di guarnigioni bellicose,

senza cavallo, senza spada, senza rosa

giunse un uomo che aveva per unica arma

le sue mani e la sua mente.

Io chiusi la finestra,

non volevo vedere

quella luce oscura

che mi attirava fuori,

ma dovetti scendere fino all’ultimo scalino

dalla mia torre dorata

per sentirmi dire ch’ero proprio io

la fortunata.

Con un solo sospiro nero

feci sparire tutti i guerreggianti

dal mio giardino,

aprii la porta,

e accolsi Lui.

Un Re si riconosce

non dalla corona,

ma dalla forza

che porta sempre

nel cuore .

 

 

 

Advertisements

2 thoughts on “THE KING

  1. TADS says:

    questa è da incorniciare,
    complimenti sinceri.

    TADS

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s