MEDUSA E MEFISTO

489425_657233833_nicoletta-ceccoli-birdcage_H172905_L

 

A due passi dal nostro inferno

abbiamo costruito il nostro paradiso.

Due pietre come noi, dure ma morbide,

due sostanze ormai indivisibili.

Legioni di sentimenti che si sono incatenati

ai nostri cuori.

Tu tieni la mia catena nelle tue mani.

Io rimango ferma ad aspettare

ogni tua decisione.

Sono immobile e ti guardo.

Tu non rimani accecato,

perchè tu sei un diavolo davvero,

non temi nessun occhio curioso.

Cuori aperti dalla spada dell’amore,

cuori aperti dalla nostra ossessione.

Le apocalissi dei nostri desideri che tentano di non morire,

le stragi che facciamo di noi stessi,

i silenzi impercettibili,

le grida di bisogni e pulsioni.

Io Medusa reclusa,

tu Mefisto perverso,

che tipo di unione sarebbe

per due esseri così superiori?

A due passi dall’inferno

abbiamo peccato come due angeli stupidi,

perdendo le nostre ali e costruendone due nuove.

Mio diavolo astuto,

non rimanere lì seduto,

non guardarmi così

tira quella maledetta catena e strozzami!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s