NEL LABIRINTO

leliaburroniL'UOMO-LABIRINTO

 

Nel labirinto, nel labirinto

si entra da una porta senza serratura,

ci si trova dentro a proprio piacimento.

Nel labirinto, nel labirinto

si trova una dama che non si vede ancora,

si trova una strana creatura,

talvolta donna, Arianna,

e talvolta Minotauro.

Nel labirinto, cosa cerca Teseo?

Quel filo che entra ed esce

dalle stanze della mente

è una fila di numeri primi

che s’inseguono come radici di scale

che scendono e salgono nel cuore.

O Teseo, tu che sei il Minotauro,

sciogli quel filo che porta all’unica incognita

che ancora non conosciamo.

Sciogli quel filo che non lega gli spazi

al di là e al di qua dal mare.

Su due isola noi viviamo:

la tua è Terra e la mia è prigione.

Non si vedono sbarre nel labirinto

ma esse ci sono, e s’incrociano

nella mia ragione.

O Minotauro, tu che sei mostro umano,

quale diagonale potrà unire le nostre anime lontane?

Nel labirinto, nel labirinto

c’è una dama oscura che non ha paura,

nella fanciulla un cuore di mostro rimane a vigilare,

e l’entrata dei solchi rocciosi

sembra così verdeggiante

eppure è buia la strada

che non porta a nessuna uscita.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s