IL DEMONE DELLA LUSSURIA

asmodeo

 

Accesso spietato ai miei neuroni assediati.

Accesso spietato al mio debole virgineo solco deflorato.

Accesso a tutto quello che non è ancora tuo.

Ridendo come una lingua di serpente ritortami contro.

ridendo come un demone che sa bene le cause del misfatto

ti avvicini sempre silenzioso e prendi quello che ti spetta.

Il mio cervello infetto.

Il mio cervello infettato dai tuoi neuroni.

Assatanato da una immeritevole voglia di sedurre la mia ragione.

Cosa sei?

Cosa mi fai?

Riportami indietro.

Il luogo della mia strage è rimasto intatto.

Ogni goccia di pioggia è rimasta sulla tua lingua.

Ogni goccia della mia anima lecchi via come se fosse pura.

Strisciami addosso la tua lordura e rigenerami.

Advertisements

5 thoughts on “IL DEMONE DELLA LUSSURIA

  1. vittoriot75ge says:

    Anche il bollino rosso è arrossito 😛

    • amleta says:

      dai! queste sono bazzecole! non è nulla di serio, solo bazzecole. Non scrivo mai qui le cose più crude, sennò i pixel si scioglierebbero tutti 🙂

      • vittoriot75ge says:

        Se hai un altro blog mandami pure il link 😀

      • amleta says:

        no, non ho un altro blog “top secret” o anonimo. semplicemente le cose più “hard” le riservo ai lettori dei miei libri. Se dovessi passare tutto quello che scrivo solo da questo canale dei blog sarebbe restrittivo per me. Non mi piace scrivere molte cose qui nel blog. Non sono così estroversa come posso magari sembrare 😛

  2. vittoriot75ge says:

    Non hai tutti i torti 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s