ESITAZIONE

erik-thor-sandberg03 (1).jpg

Non piu.
Non va.
Non è questa la strada.
Non è cammino.
Non è adesso.
Non era prima.

Avevo creduto.
Non ce nulla di vero.
Non dire e non fare.

Devi dire sempre sì? Altrimenti si arrabbia?

La giostra ha molti cavalli finti e solo il giostraio sa riconoscere chi li cavalca.

Ma girano lo stesso.
E tutti guardano le luci scrintillanti.

Ma non è brillantezza reale. Qualunque donna può mostrare i suoi gioielli. Ma nessun fantino sa riconoscere il cavallo vincente.

Era soltanto una prova.
Come poteva sapere il vacillare del vento dentro il mio corpo?
E il cambiamento del suo atteggiamento, così inaspettato.
Uomo forte, predatore esperto, leader del desiderio.

E il desiderio se n’è fuggito tutto. Non era pronta la luce a venire oscurata. Ma chi aveva acceso il suo pensiero era convinto che sì, quella luce ci fosse.

Ogni Padrone vuole illuminare se stesso ma l’interruttore lo tiene lei nella sua fragile mano.

Ha perso la prova e l’esitazione ha vinto. Chi conosce il vento sa che non si ferma mai con un comando.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

 

UNA PICCOLA DOTE

f05174131f048ff3c9694feebbf2f1ce.jpg

Ho una piccola dote mio Signore,

Non conosco nulla del vostro mondo.

Ho una piccola dote mio Signore,

Non so essere maliziosa.

Ho una piccola dote mio Signore,

Non ho mai conosciuto il dolore.

Ho una piccola dote mio Signore,

Non ho mai conosciuto il calore delle vostre mani.

Ho una piccola dote mio Signore,

Non conosco nessun altro che veda in me tutto questo.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

SYNPHOMANIAKA

maxresdefault (6)

Spartiti sciolti e capovolti.

Un suono ha stonato di nuovo.

E il tuo trucco sbava tutto sulle dita e sui tasti.

Piangi da uomo ma hai il vestito lungo.

Sei un assassino di note ma io sono la direttrice con la bacchetta in mano.

E tu esegui le musiche della mia mente.

Esegui infiniti passi di danza sulle corde incrociate al tuo cuore.

Piangi come un uomo ma i tuoi orecchini oscillano come i miei.

Le tua dita sbagliano ed io colpisco le tue falangi sbadate.

Hai un balzo tutte le volte che arriva il colpo.

Il tuo vestito struscia sullo sgabello.

Striscia fino a terra e sai che rimarrai vestito così stasera.

Un altro suono colato dai tuoi ochhi sonori.

Ed il mio sorriso sosta dietro le tue spalle nude e tremanti.

Sei il desiderio con la nota più alta dentro il mio respiro.

Ma non avrai mai la soddisfazione di saperlo.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

 

 

NOTTE AL BUIO

artmtl-7-comme-7-peches-capitaux-7-comme-7e-f-L-ZDzneK.jpeg

Come ti senti?

Non lo so.

Ma è una cosa importante.

Forse mi sento come una candela che non è stata ancora accesa.

E che tipo di fiamma avresti?

Credo che sarebbe una fiamma esplosiva.

Riusciresti a farla uscire tutta la tua fiamma?

Credo che sarebbe un vero incendio.

Allora cosa senti dentro di te?

Un pericolo.

Un pericolo di che tipo?

Il pericolo di diventare me stessa.

Ma io potrei avere un fiammifero lo sai?

Non lo so.

Vorresti saperlo?

È buio non riesco a vederti.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)