MALECARTE

tom-riddle-amor.gif

Sono stata incantata dalla mia merdosa metamorfosi da coccodrillo in anaconda gigante.

E con mille spire avvolgenti posso stritolare tutti i tuoi pensieri.

Ma non m’importa di strizzarti gli zebedei perchè già son due perline di plastica.

Invece l’orpello a cui tieni tanto lo potrò ridurre ad un ricordo lontano e non darti alcun godimento.

Di errori non ne hai commessi e sei stato accorto.

La tua capacità linguistica molto vantaggiosa ti ha fatto raggiungere una posizione privilegiata sotto la mia sedia.

Il dolore fisico anestetizza il dolore interiore.

La tua scelta di non scegliere è ammirevole; posso accogliere le tue lacrime per porle dentro il mio bicchiere e berle ghiacciate.

Io sono una cartomante che legge la pelle degli uomini e il numero delle frustate.

Incroci di strisce offerte alla direzione del futuro prossimo.

Strisce di stelle carnali e gocce di cere galattiche che sulla schiena creano i tuoi nuovi universi.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

Advertisements

One thought on “MALECARTE

  1. sherazade says:

    Gli zebedei erano andati un po’ nel dimenticatoio e anche se malridotti mi fa piacere ritrovarli 😁

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s