IL MIO PRIMO ROMANZO EROTICO

Ecco, è ufficiale, stamattina è stato pubblicato il mio primo romanzo erotico. La prima lunga faticosa opera, non autobiografica, che mi ha impegnato in questi mesi. Per adesso è nel sito del mio nuovo editore ma presto sarà anche su Amazon e su tutti gli altri siti di vendita di libri. Quindi per adesso dare un’occhiata e buona lettura a tutti. Ovviamente si tratta di una storia di una donna la cui psicologia interiore di Mistress viene scandagliata fin dagli esordi per mostrare quali impulsi ed emozioni portano verso una scelta così estrema di vita.

http://eroxe.com/index.php/bookshop/item/le-confessioni-della-dama-nerail mio primo romanzo erotico

dama_nera_abe2215186a6eb9863c498e6e4241832

AMLETA E DARK SEBASTIAN

Devo dire che non avrei mai pensato ad un connubio musicale, addirittura un duetto di questo genere. Infatti la musica elettronica non era proprio il mio intento quando iniziai a pensare di cantare con dei musicisti. Ma siccome ormai di musicisti veri se ne trovano pochissimi ( se c’è qualcuno tra di voi alzi la mano) ecco che ho trovato un amico che mi ha gentilmente permesso di cantare sulle sue basi e questo è il risultato:

UNA VOCE SENSUALE

Alcuni di voi tempo fa mi avevano chiesto che genere di musica cantassi e che tipo di voce avessi. Bene, da un pò di tempo sto facendo esperimenti musicali e vorrei condividere con voi le mie creazioni vocali. Mi piace molto contaminare i generi, riscrivere canzoni, dare una nuova veste a certe musiche magari già conosciute. Spero che possiate apprezzare l’originalità. Ovviamente queste sperimentazioni non sono qualcosa di professionale e nemmeno sono fatte a scopo di lucro.

 

 

 

 

LA DEA DEI PIEDI

Per i feticisti che vengono a sbirciare le mie poesie ecco qualche bella immagine dei miei piedi.

Giusto per gradire qualcosa di dolce e peccaminoso per i vostri occhi.

stivali

cimg0003

 

CIMG0141

scarpe

 

 

 

 

 

I MIEI LIBRI

Nella vita ci sono momenti in cui si ha davanti un bivio. Nessuno ci dice quale direzione prendere e spetta a noi dirigere i nostri passi verso una direzione. Ci sono esperienze che vanno fatte per capire di sè molte cose. Ci sono esperienze che rimangono nel cuore e che aiutano a crescere, ad evolversi, a scoprire il proprio futuro. Ostacoli vengon messi ma prima o poi si arriva ad una meta, o almeno ad una strada sulla quale finalmente ci sentiamo pronti a camminare. Ogni persona affronta il suo lato oscuro in modo diverso. Ogni persona fa un cammino diverso dagli altri e scopre lati di sè che non sapeva di avere. Qualcuno decide di seguire i propri impulsi e altri invece continuano ancora a negarli. Le storie di ognuno possono diventare le storie di tutti gli altri. Per questo ho voluto scrivere vari tipi di racconti con situazioni diverse che possono verificarsi nel mondo sadomaso, per spiegare ed esprimere quale psicologia e quali pensieri ci siano dietro certi comportamenti che magari vengono ritenuti ancora strani dalla maggior parte della gente.

Per chi volesse leggere i miei racconti erotici sadomaso potete trovare tutte le mie opere a questi link:

http://www.amazon.it/s?_encoding=UTF8&field-author=Amleta&search-alias=digital-text

( Chiunque copia o cita alcuni pezzi di quanto scritto in queste pagine deve sempre citarne la fonte perchè tutti gli scritti in queste pagine sono miei personali e il diritto di usarli è dato solo previa autorizzazione mia. Quindi siete avvisati )

Per chi volesse contattarmi per avere più notizie sulle mie opere scriva a:

Levanius@virgilio.it

Per chi volesse curiosare nel mio blog principale eccovi il link:

i tesori di Amleta

Cuori di pietra

Cuori di spine

SUL LETTO DELL’OBLIO

oblio

Sfinita dalla vita, sfinita dai sensi floreali, dal profumo della disperazione.

Sfinita la sostanza che risiede nel cuneo polmonare.

Ogni piccolo capillare ha sanguinato.

Ogni piccolo fiore è seccato.

Il bilancio dei morti è una lunga lista.

Il segno premonitore nella luna rossa.

Povera anima perduta nel calice del crepuscolo!

Cresciuta nel desiderio di un bene e morta nel patimento del male!

Offuscamenti e dolci illusorie devastazioni hanno coronato la tua testa.

Quella finestra ha le tapparelle chiuse.

Quella finestra non dona più nessuna visione.

Rassegnati all’oblio e dormi sul letto del tuo dolore.

Ogni corda è sciolta, ogni cammino è finito.

Vaga da sola sul letto dell’oblio e sogna un’altra vita.

Chiudi gli occhi, chiudi l’anima, chiudi il sonno,

lasciati portare via e non opporti più alla fine.

Riposa in pace.