IL GIGANTE D’ARGILLA

oni_demon_by_d4rkharlequin-d4wh0ur

 

Aveva il fegato pieno di uova marce.

Aveva il cuore pieno di fegati purulenti.

Aveva denti splendenti ma non mordeva affatto.

Un gigante rifatto, pieno di spessore inviolabile, contraffatto.

Piedi di sabbia, cuore di sabbia, corpo di cemento ma non sferrava mai colpi.

Un gigante in mezzo ai nani.

Un gigante che non digrigna i denti perchè pensa di non aver fame.

Un samurai d’argilla, in tenuta di difesa a oltranza.

Riguardoso verso lo sguardo sperduto della fanciulla.

Occhi solitari come l’anima disgustata dal sapore della purulenta ferita.

Chi aveva ricucito lo squarcio ch’egli aveva causato?

Chi aveva dato speranze brillanti a colei che egli desiderava?

Forse era lontana l’ora del pasto.

Forse era lontana l’ora della perdizione.

La fanciulla si alimentava da sola.

La fanciulla era la padrona dell’assoluto e spostava le stelle a suo piacimento.

La fanciulla era padrona di un ottavo di cielo e lo oscurava con un colpo di ciglia.

Epiche passioni si sviluppavano dai rami più ancestrali del suo animale beffardo,

camaleontico vorace ribaldo interiore che fagocitava giovani dissapori.

la fanciulla aveva preso il nero in mano, scriveva da sola sul suo corpo,

lo sfidava, scriveva: LIBERA!

Il gigante non rispondeva.

Il gigante era sepolto nella sabbia del tempo.

Respirava ancora? I denti erano stati affilati?

Quale altro mostro sarebbe uscito dal suo cuore la prossima volta?

La fanciulla scriveva ancora sul suo petto: NON HO PAURA!

 

IL TANGO A TRE

51d5267bc6ba5dbb4000005b

Danzavamo una musica diversa quando il terzo ballerino

fece i primi passi e velocemente apprese la danza nostra.

Danzavamo note perverse tra le mura di casa

quando il terzo ballerino ascoltava in silenzio

per danzare sui nostri passi e venire più vicino.

Danzavamo come le mosche che pizzicano la carne

e succhiavamo le angosce dal nostro cuore

quando il terzo ballerino si mise dietro le nostre ombre.

La ballerina lasciata da sola sui tacchi veloci

fece giravolte e finì nelle forti braccia del terzo ballerino

che ora non molla la sua presa nè vuole concedere a nessuno

la sua nuova compagna.

La musica iniziata con la danza

si è evoluta in rivoltosa coppia aperta.

Ogni passo un nuovo desiderio,

una presa diversa, un battere del cuore compulsivo.

La ballerina è confusa, scappa, si disperde e scende dal palco.

Aveva una sicurezza e fu persa.

Ora il passo è distorto, la caviglia rotta,

quale ballerino dei due potrà ricondurla

alla giusta danza?

https://www.youtube.com/watch?v=LrZs30Z1ZAk

NODI PIU’ STRETTI

hand

 

Più stretti quei nodi che allargano la stretta

tra schiava e padrone che si contendono il trono.

Più strette quelle conquiste divenute campo di battaglia

per desideri scomposti e indigesti.

Più strette le corde necessarie ad una nuova esplorazione

sul sentiero di guerra contro il dolore.

Quei valenti pensieri che spianavano la strada

son ridotti a pezzucole che bendarono ferite

ancora pulsanti.

Più stretti quei nodi che si son sciolti

prima ancora di cementarsi e diventare unici.

Più forti le sorti di un animale spavaldo

che ha sbranato per non sbranare.

Quanti intrecci infiocchettati

dal ben volere e dissolti nel nulla!

Sulla barella giace la vittima

attaccata al filo di una flebo così labile

e insicura di poter guarire

da quella malattia insufflata

da un Orco indimenticabile.

TRISTE SORTE

1_yB1JLzls9IrDfK9CZxSCOg

E’ proprio triste la sorte

di una schiava ancora novizia,

inviolata, intoccata, perfettamente integra.

Triste il destino che le ha tolto

quel mostro che doveva portarla

su in cima, alla fonte del dolore.

Ora sotto il velo della delusione

la schiava sogna un diverso amore,

un diverso signore,

che sappia sfruttare meglio il suo tempo,

e non si facci così tanto attendere.

Un velo di fumo

che solo il futuro potrà disperdere.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

L’ESSERE MALVAGIO

bdsmlr-204-pEKnolkOaH1

Dov’è quell’essere malvagio

che doveva venire a rapire la sua preda?

Dov’è quell’essere demoniaco

che ardiva desiderare

la sua schiava come unica fame?

Dov’è quel mostro che si diceva

pronto a legare quest’anima

per non lasciarla sfuggire più?

Dov’è quell’orco

che ha catturato la bimba,

l’ha messa in gabbia

e poi l’ha lasciata da sola?

Io invoco quest’essere spregevole

che procurò tanta sofferenza

per non avere poi nessun premio

al fine di poter godere assieme

di tale appartenenza.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

LA CARNE SUDATA

90939d5cd34d0725773815a1b93426ac

Dalla lunga estate ferita,

la carne è rimasta al sole

aspettando che il ferro dello spiedo

venisse ad infilzare

la gallinella pronta al rogo sacrificale.

La carne marcescente ora grida di dolore

per non esser stata consumata

dal suo vorace padrone.

La scintilla spenta

non si sa se possa far di nuovo fuoco,

poichè troppo a lungo è rimasta

non accesa dalle vostre desiderose parole.

Il corpo dorme, non vuole più nulla.

Marcia è la carne

che non avete avuto ancora

tra le vostre dita.

Il sole l’ha cotta

e voi non l’ha mangiate.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

BRUCIARE DI FUOCO NERO

tumblr_n4i76tdvig1rxvzulo1_500

Bruciare di un fuoco adorabile

quando ricordo i vostri malefici occhi.

Bruciare di un fumo adorabile

quando ricordo l’odore del vostro corpo.

Bruciare di un ardore irremovibile

quando ricordo come mi guardate

quando desiderate fissare i miei occhi.

Bruciare dentro e abbassare i miei occhi

davanti al vostro fuoco nero

che mi domina e mi fa fare qualsiasi cosa.

Bruciare dentro di un fuoco

che non si spegne

perchè voi lo rendete vivo col vostro fuoco.

Bruciare dentro così tanto

e non potersi spegnere

perchè dentro questo fuoco

ci siete voi, mio Orco!

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

SLAVE OF DARKNESS

90cedbba7ce53063d3e34baf4b1d6d24

Vieni ad assaggiare l’oscurità che tu stesso hai cucinato.

Vieni a ghermire questa anima irrequieta che non si sostiene da sola.

Vieni a strappare dal mio cuore questo cuore che ama.

Vieni a strapparmi l’anima e portatela via.

Non voglio più avere questo peso nel mio letto.

Quest’anima che rigetto, che mi distrugge la vita,

vieni a prenderla e fanne quello che vuoi.

Lo zucchero nero che avvelena il mio sangue,

non si scioglie col caldo.

Lo zucchero nero che avvelena la mia passione

non si scioglie nell’acqua.

La tua oscurità mi si fa preziosa

perchè tu solo la porti a me,

tu solo riesci a scovare quella cosa

che non ha a che fare con l’amore.

Vieni ad affossare questo spirito a te devoto,

così orribilmente bisognoso del tuo segno

su ogni briciola di pelle vergine.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

FORGIVENESS

179497_307562955994769_1634868016_n

 

Chiederò perdono per ogni colpa,

chiederò perdono per ogni cosa non fatta,

chiederò perdono per ogni bugia,

chiederò perdono per esser stata finora solo mia.

La vostra bocca morderà e punirà,

la vostra bocca soffocherà e punirà,

la vostra bocca respirerà dentro la mia ed io riprenderò vita.

Quanti giorni di condanna mi avete dato finora!

Quanta emozione e ansia per poter esistere solo per voi.

Il tuono chiama il vostro nome,

la pioggia lo invoca dentro al mio cuore.

Il perdono dovrò soffrirlo come una vera punizione

di non poter stare sempre con voi.

Punitemi col bacio del potere!

 

NELLA RETE DELL’ORCO

latex fashion

Rete d’incanti e stratagemmi di ragno

per far cadere la farfalla nelle braccia dell’inganno.

Rete di desideri e spiegamenti di ordigni sentimentali

per far cadere la farfalla nella bocca dell’aracnide eccelso.

Retroverso, uno sguardo di chi si risveglia

in mezzo a tanto sortilegio che stritola.

Prova a camminare sui miei tacchi!

Prova a camminare sui miei occhi!

Prova a rompere la mia rete cucendola alla tu anima.

Prova a rompermi!

Nella rete di una strada virtuale l’Orco

si profilava come il più forte,

e lo è davvero!

Prova a togliermi la rete!

Prova a sciogliere i mie nodi

per legarmi a te!

( Copyright della poesia di Amleta BLoom)