LA RESISTENZA

4479902930_e0aab49226

 

Io resisto alla vostra assenza.

Io resisto alla vostra mancanza.

Io resisto alla nostalgia di voi.

Io resisto al bisogno di voi

perchè so che voi sapete ,

voi siete convinto

che io sia brava a resistere.

Io resisto, aspetto,

attendo, sogno

i brividi nel rivedervi,

le palpitazioni quando mi sfiorate.

Io resisto

ai vostri silenzi

alle vostre partenze,

io resisto alla vostra lontananza.

Io resisto perchè voi siete sicuro di me.

Voi sapete che io resisterò

e sopporterò ogni cosa

perchè sono vostra

anche quando non state con me.

LA LIBERTA’ DI STARE INSIEME

Incontri-in-Bianco-e-Nero-1

Beata non sono di libertà mia.

Beato non sei perchè anche tu sei di lei.

Cosa dobbiamo fare di noi?

Cosa dobbiamo fare di loro?

Il nostro segreto

è il peggiore segreto

da tenere a mente.

Non sbagliare giorno,

non sbagliare le ore,

non trovare i minuti

per stare insieme.

Voglio inchiodarmi al tuo cospetto:

CROCIFIGGIMI AL MIO LETTO!

Fai ciò che devi fare,

non ho paura del mio Orco,

non ho paura di averti nella mia tana.

Ero entrata nel bosco,

ho conosciuto un principe,

poi un cavaliere,

ma poi ho trovato te che sei un Orco

ed è quello che aspettavo.

CROCIFIGGIMI AL TUO LETTO!

Sciogli i miei capelli

e legali alle tue mani,

scioglimi l’anima

nella tua saliva.

Riempimi di fumo e liberami.

Libera la tua belva,

fammi sbranare

dal tuo mostruoso cuore.

Inchioda la mia pelle alla tua carne,

stringi il mio viso al tuo.

Posati sul mio petto,

fammi camminare a terra,

fammi strisciare come se fossi niente

perchè voglio essere il tuo TUTTO.

UN SIGILLO ROSSO SUL CUORE

sigillo-ceralacca-rosso-600x528U

Un sigillo rosso sul mio polso,

sulla vena del cuore,

lì dove scorre quella vita

che ti voglio dare.

Metti un sigillo su di me,

come se fossi una lettera

che scrivi a te stesso.

Come se con le tue iniziali

volessi marchiarmi

per sapermi più vicina a te.

Sigillami le mie mani:

che io non possa toccare

altro cuore se non il tuo.

Che io non possa schiudermi

se non a voi, mio Signore,

e solo a voi scrivere le mie parole.

Cola sul mio polso la tua passione

e sigilla le mie vene col tuo amore.

Lega le mie vene al tuo cuore.

Legami con la cera rossa

e segna il tuo nome

sulla busta della mia anima

che arrivi sempre a destinazione

poichè tu solo sei il destinatario

di cotanto mio ardore.

 

ANGELO

angelocaduto800_0

 

Che angelo cerchi in me che sono demone?

Che angelo speri di trovare dentro il mio nero petrolio?

Che angelo pensi di avere trovato?

Io ti inquinerò di nero,

io mi lascerò toccare per contagiarti,

per renderti prigioniero della mia vita perduta.

Tu hai una palla al piede,

sei prigioniero pure tu,

e quale libertà potresti darmi

a me che non so cos’è “sentire”?

Tu che sei schiavo di una megera

come puoi pretendere di liberarmi?

Non sono cuore angelico,

non sono cuore amorevole,

non sono cuore affatto.

Ma se non mi dai amore

nulla verrà fatto

per obbedire al tuo potere.

Poichè una sola parte manca

affinchè io possa soccombere,

una sola parte che sei tu, uomo,

e non il Padrone.

DUE PAROLE

1530832955_70f80e4906

 

Quelle due parole

che fanno più amanti

colore che amano.

Quelle due parole

che rendono qualcosa

più splendido….

io non vi dirò mai queste due parole!

Quelle due parole

che stupide anime

usano come sigillo

per due cuori infranti;

io non vi dirò mai

queste due parole!

Queste due parole

che rendono vicine

due distanze,

che distruggono vite intere,

che non danno pietà a nessuno;

io vi sfido a tirarmele

fuori dalla bocca,

queste due parole!

 

IL DOLORE FERREO

TRAFITTA

 

Dopo avermi perforato il costato,

entrarono spine di ferro

dentro il mio spirito

fino a penetrare

l’intera cassa toracica

e uscire sulla schiena.

Le spine di dolore ferreo

di quella morte che mi date

quando non mi sento all’altezza

del vostro desiderio.

Le punte appuntite dividono

la mia carne in chiari e scuri

che cerco di nascondervi.

Dove il mio cervello accoglie

il vostro potere, proprio là,

c’è una spinta più grande,

che divide in due la mia ragione.

Delle spine così dolorose

come sigilli per non dimenticare

quale male sa dare un uomo

quando decide di non amare.

 

TROPPE MANI

donna (1)

 

Troppe mani che vogliono pezzi di me,

troppe mani che vogliono prendersi ciò che non ho.

Troppe mani che si allungano per afferrarmi,

ma soltanto uno può avermi davvero per sè.

Troppe mani che desiderano sfiorarmi,

troppe mani che sognano di scrivere su di me la loro storia.

Io voglio che due mani soltanto disegnino

il loro futuro sulla mia pelle.

Voglio sentire di essere l’unica

a cui appartiene il vostro mondo

da oggi a domani, da domani a dopo,

da dopo a poi.

Troppe mani si sporgono

per cercare di rubarvi la preda.

Troppe trappole, troppi rischi,

troppe attese, non soluzioni.

La scelta, la volontà,

è solo la vostra.

Il vostro volere deciderà ogni cosa.

GUARDA COSA C’E’ DIETRO

donna-gioie-e-dolori

 

Mi sono tolta ogni maschera con te,

mi sono tolta lo sfizio di essere me stessa.

Ora guarda cosa c’è dietro questo viso

che ti chiede di risparmiare questa anima

dal tuo tocco infernale.

Questo spirito già corrotto

questo spirito guasto,

lo vuoi davvero?

Guarda che groviglio

sta dietro ai miei occhi smarriti.

Guarda come trema la mia voce

quando pronuncia il tuo nome.

Non è cosa da nulla per me

cercare di vedere oltre,

al di là di questa montagna

che mi sovrasta.

Tu sei una montagna sotto il mio lago,

tu sei il cielo sotto la mia terra.

Tu sei quella cima su cui ho paura di volare,

perchè voglio le tue ali forti su cui reggermi,

io non ce la faccio da sola.

Voi siete un falco, un serpente, un orco…

io sono solo una bimba.

 

STACCAMI LA TESTA

20130505_donna_maggie_taylor_tumblr_m2qkejidfg1qarjnpo1_500

 

Staccami la testa,

è l’ultimo ostacolo tra me e il mio cuore.

Staccami i pensieri che corrono veloci

sulla tua testa che si gira per cercarmi.

Dal mio collo stacco ciò che si frappone

tra me e voi mio Signore,

la mia mente che corazza il mio cuore.

Da me slaccio quel nodo che mi opprime,

che mi tiene dalla parte della mia volontà.

Io voglio solo sprofondare nella vostra mente,

voglio solo essere il vostro fiore da sciupare,

il vostro giocattolo da smontare.

Staccatemi la testa,

mi fa male rimanere attaccata

a ciò che non è ancora vostro,

questo rifugio in me che non ha per voi posto.

Questo nido di calabroni

dove mi sistemo sul trono

e mi lascio servire.

Tiratemi giù dal mio piedistallo,

strappatemi la corona,

umiliatemi e distruggete il mio vestito

di pezzetti di gelo interiore.

Io voglio spogliarmi di quel terrore

che mi ferma sulla soglia

quando voi entrerete nel mio sogno.

Venite e toglietevi lo sfizio di non mentire a voi stesso,

poichè ciò che temo io è ciò che voi desiderate insieme a me.

 

OSTAGGIO

Gothic_wallpaper_197-7428

 

Avete preso in ostaggio un organo ferito,

vivisezionato da molti tiranni interni.

Avete preso tra le vostre dita

questo organo così malandato,

che da anni non riesce ad accendersi.

Un cuore sfinito da troppi amori,

un cuore avvilito da troppi ricordi,

un solo dolore che spalma morte

sulle cellule infette.

Ora voi volete aprirlo,

cambiarne l’interno,

farne una cosa nuova.

Quale arnese vorreste usare

per rimuovere tutto il male

che vi giace da anni?

Quale potere potreste avere

per resuscitare un cuore morto

e renderlo vostro?

Uno spesso strato nero

intralcia il vostro fluido,

uno spesso strato di indigesto passato

intralcia il nostro percorso.

Mordetelo, scuotetelo, afferratelo

perchè io non lo sento più,

non voglio sentirlo,

non voglio perderlo più.

Tiratelo indietro da dove è finito,

tiratelo a voi perchè io soffro già

di quello che sento.

Perch’io già sento troppo

e voi avrete spavento di questo tuono

che terrorizza ogni uomo.

Schiacciatelo piuttosto,

ma non fatemi infartare.

Voi non siete un uomo qualunque,

voi siete il mio Padrone,

voi solo potete osare così tanto!

https://www.youtube.com/watch?v=XmGdSOhBx8E