NEVE NERA

1995845_c93c8645c2_m

 

Non ho bisogno di te!

Non ho bisogno di nessuno!

La neve nera mi coprirà.

La neve nera segnerà la mia tomba sul bianco manto.

Non ho bisogno di te!

Non ho bisogno di nessuno!

La neve nera mi seppellirà.

Io sarò libera dalla tua catena.

Voglio entrare dentro la neve nera.

Voglio sentire il gelo nelle mie vene.

Lascerò che mi copra senza respirare più.

Voglio morire ad alta quota.

Voglio rimanere lassù nella cima più alta.

Senza imbracatura, senza corde, nuda.

Non ho bisogno delle tue mani!

Non ho bisogno che mi prendi!

Non ho bisogno di nessuno!

La neve nera potrà ricevere la mia candida anima.

La neve nera conserverà il mio amore.

Io sarò nuda, dentro  ai fiori di ghiaccio,

e non mi salverò, non voglio vivere più.

Non ho bisogno della tua forza!

Tieniti stretto il tuo potere.

Non servirà a nulla lasciarmi in vita

visto che ho deciso di morire.

HO UNA CATENA DENTRO AL COLLO

chained-neck-woman-strangle

Quella catena, dove l’hai nascosta?

Dove l’hai conservata?

Tira ancora ma non è nella tua mano.

Quella catena, dove l’hai riposta?

Dove l’hai scordata?

Hai staccato un anello ma il resto è rimasto.

Hai staccato solo un pezzo ma la catena è lì dentro lo stesso.

In quale cassetto l’hai riposta?

In quale valigetta hai messo la tua voglia di me?

Come fai a tenerla così ben sepolta senza sfiorarla?

Come fai a tenermi nascosta così tanto dentro di te?

La tua catena non me l’hai ancora tolta.

La tua catena è qui dentro al collo e tira ancora.

 

IL MIO RECINTO

stefaniasantarcangelo-hangingontoreality

 

I congegni onirici che riempiono i sogni diurni

appartengono al rosso calore di quella voglia di evasione

che precede l’appartenenza alla vostra assenza.

Legarsi ad un fantasma di tale potenza,

legarsi ad un fantasma con tale esigenza,

con insistenza persino, con pessima costanza.

Potreste essere l’unico, potreste essere il solo,

potreste essere UNO, ma defilate gli obblighi

di tale piacere.

Non scendo nessuna scala, non salgo nessuno scalino,

non proseguo, mi fermo.

Non sono che UNA, inutile presenza superflua

nella vostra vita intensa,

un granello di polvere sulla vostra giacca,

e se cadessi a terra sarei salvata

solo dalla mia mente che non cede mai.

Questo recinto che mi avete messo

per tenermi nell’ovile dove potete attingere

al mio latte prezioso, questo recinto è diventato

così stretto e così desolato

da rendermi bestia selvaggia

nelle mani di altri sparvieri

che mirano alla vostra stessa preda.

Un teatro di muscoli in erezione

che palpano la mia dissoluta ragione

e la mia voglia è solo quella di sparire

non più per mano vostra.

Confesso, non avete il tempo di potermi dare tempo.

Confesso, aspetto la risoluzione migliore per un errore di scelta.

Quando la ghigliottina cadrà sulla mia testa

la mia mente sarà già lontana da tutto questo processo.

 

RIPIEGATA

Logo_Stanza_del_Silenzio

 

Atterrata sui ginocchi,

ripiegata sul dolore di potervi scorgere

davanti alle mie preghiere esaudite.

Ripiegata da questa sofferenza acuta,

da questo pulpito di strazio

in cui aggiungo sospiri al mio fiato,

io vedo voi, io vedo solo voi,

nel mio sguardo.

Io non riesco a scollare l’immagine

che avete messo dentro la mia iride,

di ciò che voi siete e di ciò che voi sarete.

Lunghe distanze di anime

hanno raggiunto il limite,

adesso o ci si fonde o ci si lascia indietro.

Sul ponte non c’è spazio per gli indugi,

io posso stare al suolo,

diventare il vostro pavimento,

e voi potrete camminare quando volete

sulla mia ragione sconfitta.

ABBANDONO

demon-angel-love

 

Apro la mia bocca e boccheggio

come un pesce catturato nella vostra pesca miracolosa,

come un pesce con l’amo conficcato nelle labbra,

che non riesce a dire più nessuna parola.

Come un pesce mi abbandono alla vostra esca

per diventare preda della vostra vita:

prendetemi, sono finita dentro di voi.

Non è stato un caso, non era una scelta sicura,

ma il caso mette le esche dove non ci sono pesci

e ne tira fuori uno.

Mentre spiravo, agonizzando

nella mia impotenza di non potervi vedere.

Mentre spiravo nel tentativo di far uscire da me

ciò che vi tacevo, ho sentito…ho sentito…

e non riesco a trovare più le parole

perchè questa forza mi sta uccidendo,

la vostra forza mi ha presa e mi sta uccidendo.

La mia volontà è finita!

 

L’ULTIMO ANTRO DI RAGIONE

angel_devil_wings-t2

 

Ha preso il volo quella ragione che costruiva piume

per il mio volo di schiava.

Ha preso il volo quella fame che aveva come cibo

l’unica sostanza che non riesco a digerire.

Ho preso il volo per tornare al vostro nido

dove gli artigli che mi nascondete sono così affilati

che la paura di poterli sentire mi fa deviare il volo.

Nell’antro di quello che sento

c’è la ragione che ostacola la mia lode,

che ostacola la mia perdizione,

perchè l’amore è l’unico talento che dovrete avere

per forgiare il vostro medaglione sul mio petto.

Guanti di metallo e colori di cielo azzurro

erano i miei canti per l’inferno,

ma ora adombrate il mio sguardo

con il vostro mantello

e mi richiudete dentro il vostro volere

e quell’antro di ragione che mi era di difesa

è diventato puro dolore, nel mio stato larvale

in cui pupa io divengo nella vostra forte mano.

LA FIAMMA LIQUIDA

Angels_Vs_Demons_by_carlostattoo

 

Strappatemi alla fiamma liquida, mio Signore,

mi sta sciogliendo come neve al sole,

mi sta facendo finire di vivere il vostro amore.

Strappatemi da questa candela di cera umana,

strappatemi questa pelle oscura

che mi sta ricoprendo in ogni momento senza di voi.

Quel tempo in cui chiamavo e gridavo

per dirvi addio, nel dubbio di aver sbagliato,

quel tempo che non arriva mai

e la fiamma che mi muore nel petto,

quella fiamma liquida che mi fa liquefare tutta l’anima.

Non fatemi aspettare, datemi quel giogo che mi seda,

quel morso che mi assesta e mi toglie la volontà

perch’io sento una corrente che passa solo attraverso

la vostra carne mentale.

Io non voglio andare, io non voglio sparire,

non voglio dormire senza prima aver visto

la vostra ombra sul mio muro.