AMLETA E DARK SEBASTIAN

Devo dire che non avrei mai pensato ad un connubio musicale, addirittura un duetto di questo genere. Infatti la musica elettronica non era proprio il mio intento quando iniziai a pensare di cantare con dei musicisti. Ma siccome ormai di musicisti veri se ne trovano pochissimi ( se c’è qualcuno tra di voi alzi la mano) ecco che ho trovato un amico che mi ha gentilmente permesso di cantare sulle sue basi e questo è il risultato:

Advertisements

FLAGELLUM

pandaemonium-divoratori-dombre-18

La soave fanciulla è fiore e colore di giorno,

e mostro e megera di notte.

La soave fanciulla porta l’ombra dentro di sè,

e non riesce a liberarsene.

Un segreto martirio flagella il suo cuore

e ogni notte ricerca la via di fuga.

La soave fanciulla si perde dentro i suoi incubi,

e diviene spettatore di una vita non sua.

Perchè ogni suo gesto è subito incompreso?

Perchè ogni suo volere è motivo di disperazione?

La fanciulla porta nel suo cuore l’amore

ma ogni cosa è adombrata dal suo mostro interiore.

La fanciulla ha come una maledizione,

è fiore di giorno e buio di notte.

Dei colpi che da sola infligge al suo amore

nessuno sente il brivido infelice.

Dei ritorti meandri del suo misterioso volto

solo una mano ha sfiorato le sue guance.

Ignari son tutti di quel viaggio

che la porta nell’orribile mondo di sotto.

Ignaro persino colui che di più di tutti

le procura involontario dolore.

La fanciulla soave di giorno porta una corona di fiori

ma di notte di spine si riempie la mente

e i sogni fuggono dalle lenzuola intrecciate.

Una via crucis disegnata sul suo petto

da due mani invisibili che la cercano,

ed ella si addormenta di nuovo.

 

SPOREM BEN

SPORA

Quale spora è rimasta incastrata in un pertugio dimenticato?

Quale spora può recuperare il massacro che hai fatto dei miei ricordi?

Hai germinato il tuo potere e poi non l’hai più raccolto

e la pianta nemmeno ha avuto modo di spuntare nè crescere.

Quale riproduzione dominante è possibile senza un filo conduttore?

Quale dominazione si può ottenere quando si cancella ciò che si era ottenuto?

Quante alluvioni ci son state che han portato via di tutto?

Perchè il mio cuore dovrebbe stare nel posto in cui l’hai lasciato?

C’era una corazza spessa sul tuo e non è mai venuta giù.

Un guerriero non si concede mai attimi di riposo

ma si perde certi passi che poi diventano difficile ostacoli.

Ogni dominatore ha un punto debole ma la forza sta nello scoprirlo

e non nel tenerlo nascosto affinchè la paura di venire sconfitto

non si prenda le fila del suo discorso.

Il cavaliere che vuole salvare Biancaneve

deve scender fa cavallo e spogliarsi della sua armatura

perchè solo un uomo coraggioso avrà l’ardire di vedere se stesso

in quella fanciulla che tanto brama!

Una spora forse è rimasta incagliata

dentro una corda appesa al ricordo.

Chissà cosa potrà germinare!

 

 

BACI SULLA CARNE

Scrivi i tuoi baci sulla mia carne,

scrivili coi tuoi pensieri, coi tuoi desideri.

Sulla mia carne dove i segni esistono e resistono

mentre la tua passione sale.

Sul mio corpo nudo scrivi il tuo capolavoro,

con mani che carezzano il doppio ruolo.

Disegna cuori neri nel mio cuore bianco,

disegna fiori rossi sul mio fiore nero.

Apri le tue dita e scava forme in me

che possano piacerti

e possano rivelarti a me

per come sei fatto.

Io sarò fatta di te, delle tue mani

e dei tuoi desideri e di null’altro.

L’unico a poter scrivere su questa superficie

così viva e calda sarai tu usando la tua forza opposta,

e la tua anima sarà a me infusa con ogni tocco,

ogni ferita e ogni precisa carezza,

e sarò riempita solo di te, mio Signore.