I DUE AMANTI

images

Lui dorme. Il Re Artù dorme.

Il re forse sta sognando.

La sua barba rimane sollevata

mentre il respiro si interrompe

e poi riprende.

Lei, la Regina, Guinevere,

si gira verso il muro e si chiede:

chissà se anche Lancelot sta domendo

o pensa a lei.

Lei, Guinevere, non riesce più a dormire

da quando quel bel giovane s’è presentato

al servizio del suo consorte.

L’armatura di Lancelot quel giorno

splendeva della luce lunare

e la sua forza fisica aveva prevalso su tutti.

Dopo la lotta e la vittoria, quell’uomo

l’aveva guardata in quel modo strano,

e il suo sguardo era fisso e sicuro.

Lai, la Regina, non si era mossa,

nè aveva abbassato gli occhi:

Lancelot era un suo pari,

nella guerra contro le ingiustizie,

anche lui aveva l’onore nel cuore.

Lei, Guinevere, era la fata bianca,

e aveva visto nella nebbia della notte

che un uomo sarebbe giunto

da un paese lontano.

Era passato un anno

da quel primo sguardo,

eppure in tutto quel tempo

Lancelot non le si era avvicinato mai.

Da lontano, con rispetto, aveva per lei

sempre lo stesso sguardo fisso

e sembrava aspettare il momento giusto.

Poi un giorno, lei era lì, in mezzo al verde,

per una solitaria passeggiata e lui sbucò dal nulla.

Lancelot disse di averla seguita

per proteggerla ma gli alberi avevano già detto alla fata incantatrice

che lui era lì per donarle il suo amore.

Guinevere lo vide venire verso di lei

ed io suo cuore ebbe un sobbalzo:

“ Vi prego, andate via. “

Ma lui si inginocchiò ai piedi di lei e le confessò:

“Mia Dama, accettate il mio amore;

io sono rimasto qui solo per voi. “

La Regina si mosse verso un albero maestoso,

uno dei suoi amici spiriti del bosco,

e su di esso pose la sua mano

quasi a volersi reggere da quel peso sul cuore

di cui non era riuscita a liberarsi.

“Vi prego, io non posso, io non devo. “

Lancelot si rialzò e la raggiunse.

Prese la sua mano, arresa,  nelle sue:

“Mia Dama, voi state morendo accanto a quest’uomo

Che non vi capisce e non vi valorizza. Io vi amo,

io vi voglio liberare  e riportare nella terra dove siete nata,

e liberarvi da questa vita a cui siete stata forzata. “

Guinevere iniziò a piangere,

poiché quelle parole esprimevano la verità della sua condizione

di donna legata ad un uomo con cui non condivideva più nulla.

Quindi, lasciando la sua mano in quelle del bel giovane,

e abbassando gli occhi gli disse:

“Io non posso più far tacere il mio cuore.

Portatemi lontano, nella mia terra, e siate mio scudo

e mio futuro. Solo voi sapete chi realmente io sia.”

Lancelot strinse ancor di più quella mano nelle sue

e vi depose un bacio che aveva l’ardore del fuoco,

di quel fuoco potente che solo un uomo coraggioso

può sopportare dentro di sé senza bruciarsi.

Guinevere girò il suo viso e lo guardò negli occhi.

Non disse più nulla.

Lancelot fischiò e subito dopo apparve il suo destriero.

La Regina fu posta davanti e il suo cavaliere dietro di lei.

Così scomparvero quelle due anime

che non appartenevano al regno degli uomini

ma alla terra di Avalon,

portando con sé la forza di quel cuore

che supera le regole e i legami dei mortali.

Advertisements

L’ANTICA VOCE

Girl-by-Abstract-Art

Sorge dallo scranno silente quel fatato dispiegamento

di forze occulte che alla mia vita ardore hanno sempre dato.

E nel culmine della risorta devozione per l’amarissima terra

che ha visto la mia ultima umana prigione, io di Avalon

terrò nelle mie vene il ricordo di ciò che mi è stato fatto.

Ora discendono retaggi e fili da antiche capanne

dove il sordo e il cieco avevano la stessa voce

ed io mio occhio cercavano coloro che volevan a me sfuggire.

Dal giallo della follia all’ocra della terra mia,

ogni pagliuzza di fuoco che colmerà il mio calice

per te solo fiele e dolore diventerà nella tua vita.

Il mio canto è stato rifiutato e la mia voce è stata tradita

e adesso il mio ordine è per le forze oscure

che dalla mia anima risalgono da quel suolo

in cui nel passato ho vissuto e che mi ha dato il sigillo

della mia disumana perversione.

Povera quell’anima nuda che ha attraversato la mia via

e non si è più girata al mio cospetto,

io per lui non avrò alcun diletto

nel vederlo marcire nel fosso della disperazione.

Il mio giallo bilioso morderà il tuo collo

e la tua mano non troverà quel vampiro

che ti si è avvicinato.

Ora va dentro quel bosco, da solo,

e stai attento alle belve,

io rimango qui accanto al lago

a vederti scomparire come una pagliuzza di inutile fuoco.