LA FORZA DELICATA

lNKkwy6Ln1JyqXgWo1NI54949156e56d9.jpg

La vostra elegante fierezza oscura fa volare ogni dita verso la vostra luce abissale.

Mi sveglio col vostro cuore sul palato e m’annichilisco tutta.

Mi spinate con rami invisibili che s’intrecciano e mi divorano con immenso dolore.

Oh quanta grazia mettete nella vostra forza delicata!

Siete il Signore notturno che alimenta le viscere del mio tormento.

Oh quante sbarre conto tra me e voi!

Eppure le superate tutte contorcendo il metallo della mia pancia affamata.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

IL DESTINO CAPOVOLTO

prigioniero_del_gioco_HD

Afferrato, tenuto in mano, lasciato andare,

gettato via, ripreso, ritrovato, rifiutato.

Destino crudele o nefasto quel dado che male ha girato?

Uno, due, cinque, sei volte lanciato in aria,

caduto, afferrato, schiacciato.

Due punti, sei punti, otto punti,

simili a decisioni prese da un lato

all’altro della vita.

Non si può esser sicuri

se è stato il caso a farci nero e bianco,

o se l’amore era l’unica via per star sotto il volere delle stelle.

Quale ordito è nascosto dietro le facce del cubo?

Chi mai ha scavato nel centro di un simile pensiero ostinato?

Tutto è andato storto, disse il giocatore,

tutto è stato giocato disse il tempo,

ma un posto è rimasto vuoto,

la sedia è calda ancora,

il giocatore dov’è andato?

Il gioco ha avuto la meglio,

e il jolly è scappato con la coda tra le gambe.

IL BOSONE X O ANTIPADRONE

HJc0e9

Colui che distrugge, colui che rovina,

colui che detiene le leggi della devastazione.

Colui che erode il viso, le mani, l’affezione;

colui che nasconde la corteggia del suo grigiore.

Colui che stanca le nocche a bussare dove non è atteso.

Colui che orfano rimane in sospeso.

Colui che emana un nuovo tipo di forza,

che viola le regole divine.

L’antipadrone, il perturbatore,

l’unico disturbatore di traiettorie infinite,

unificatore indiretto di correnti divise.

Pacificatore silenzioso in una guerra scatenata

dentro la ragione in decadimento.

Colui che oltraggia, colui che sbriciola,

colui che inverte la connessione;

colui che germina distanze improbabili,

colui che accerchia, che differisce persino da se stesso.

Bosone che libera la sua materia.

Bosone che diventa antimateriale.

Bosone che annienta ciò che ha creato.

Bosone che diventa nullificato.

 

 

UN FEROCE SPIRITO ANTICO

Quetzalcoatl

 

Nel sangue della notte

la morte ha riscaldato le fiamme

di uno spirito antico

ritornato per ricongiungersi

alla morte di un altro buio illuminato.

Il tuo spirito di fuoco,

il serpente piumato,

mai sopito nel sonno dei secoli e delle ere,

ha dischiuso il mio petto sfidando la morte.

I tuoi artiglio sono artigli veri,

i tuoi morsi sono morsi veri,

la tua fame è disumana

e la tua forza non è di questa terra.

Un Dio antico ha strisciato sul mio petto

e ha bevuto il mio succo per cibarsi

di quell’universo originario

dal quale la nostra ombra

ha avuto la sua primordiale origine.

Non ho paura della tua morte

che si unisce alla mia morte

per darci la vita

di cui abbiamo bisogno.

 

 

IL CANNIBALE

werewolfk

Bestia selvaggia

animale feroce

tu più di tutti miri alla carne

come unico sanguinoso portale

per arrivare al mio cuore.

Anima di saliva, sangue di dolore,

spargi nelle mie membra quel desiderio

di dissoluzione che solo le tue mani

possono donare.

Sono folle, sono folle di paura

perchè mi vuoi sbranare

e non ho ancora sentito il morso

di quell’animale che mi rende cenere.

Per la prima volta ho paura di morire di dolore,

per la prima volta so che avrò a che fare con un cannibale.

L’antico canto nelle vene piene di calore primordiale,

l’antico passato che ti porti nel corpo

dove hai tatuato l’enigma della tua vita.

Io sono il domani e il ieri,

io sono il viaggio e l’arrivo,

la fine di questo inizio che mi terrorizza.

Tu sei un animale feroce,

tu sei fauci e ardore carnale,

tu sei fuoco e amore dissoluto

ed io ti farò morire dentro al piacere.

Sbranami ma non farmi male,

sbranami ma rispetta la mia legge di vittima innocente,

che si porrà sul tuo altare per essere sacrificata

a questo desiderio misto di amore e morte

in cui due cervelli e due corpi si uniranno

per darsi la reciproca distruzione.

Ho paura di te, Cannibale!

 

IL DIO DEI MAYA E LA FARFALLA INDIANA

maya

 

Silenzioso l’odore sgusciò tra le vesti e si mischiò col sapore del cielo. Lei sorrideva timida perchè non sapeva che lui era il dio dei maya. Le sue piume la confondevano. I suoi occhi la mettevano così in imbarazzo. Poi nel silenzio del giorno l’anima divenne sera e allora lui la sfiorò perchè era scritto che una farfalla dovesse diventare dea.

Misterioso il canto che piume e polvere mischiate fanno tra due corpi di diverse forze. Misterioso quel destino che avvicina due potenze magneticamente opposte. Così giunsero a non dirsi alcuna parola, perchè gli occhi soltanto parlavan di loro e della loro essenza.

La ricerca era durata anni, e il giro del mondo non era bastato per arrivare a quella fonte dove tutto converge e dove il cuore emerge dagli oceani esistenziali. Lui avvicinò una mano ma non aveva paura di sbriciolare le ali della farfalla. Lui voleva toccare la sua vita. Lui voleva sentire il volo delle sue ali.

Il dio dei maya la guardò come si guarda un fiore raro, trovato in mezzo ai cactus. Lei sorrideva ancora. Poi chiuse gli occhi e disse solo una parola: “sì”.

Il dio dei maya allora fece divampare il fuoco e ogni altra cosa intorno a loro scomparve del tutto.

UN UOMO COME GLI ALTRI?

Cos’è un padrone che io debba legarmi ad un padrone?

Cos’ha di particolare un padrone che io debba amarlo più di quanto ami un uomo?

Cos’ha di diverso un legame perverso?

Una relazione normale inizia, si sviluppa, si complica e poi finisce.

Una relazione perversa come si svolge?

Ha un inizio, ha un percorso e poi finisce.

Allora qual’è la sua particolarità?

La quantità di dolore fisico o interiore è superiore?

La forza delle emozioni è diversa?

Che forse anche in una qualsiasi relazione normale non c’è una buona dose di sofferenza,

anche se magari psicologica e non fisica?

Il desiderio è comune in entrambi i casi, i dubbi, i problemi da affrontare, le tragedie, la gelosia, l’ossessione,…

rabbia, odio, sfogo, pianto,…

Cosa allora contraddistingue il legame perverso dall’amore vanilla?

Non sono i frustini o le corde a fare la differenza.

Forse la vis trasformativa è più insita in questo tipo di legame perverso perchè si scoprono e si realizzano aspetti di sè mai tenuti in considerazione e mai sperimentati.

Portar fuori da sè delle parti così ben nascoste, così tenute a freno per anni, così controllate ogni giorno a costo di scoppiare per qualsiasi altro motivo, sono difficili anche da gestire a livello psichico.

Cosa rende questo legame più forte se poi questo legame ha pure esso una fine?

Molte schiave/i cambiano padrone e molti padroni cambiano schiave/i, quindi non c’è niente di diverso nell’iter del rapporto a due che non sia quello proprio della relazione vanilla.

La relazione sadomaso è speciale perchè due persone opposte riescono ad agganciarsi e ritrovare un opposto che ci completa?

Il più delle volte, nelle relazioni vanilla intendo, ci si aggrappa ad un’altra persona per quell’idea di anima gemella, quella stupida idea di trovare un completamento nell’altro, e poi magari ci si fonde in un tutt’uno che diventa infernale e soffocante.

Nel rapporto perverso invece i due soggetti non si fondono mai, poichè le loro nature sono così opposte da unirsi sì, ma da non fondersi, mantenendo così il proprio spazio e non confondendo mai se stessi con l’altro.

Uno schiavo non può così pensare di essere lui che domina, così un padrone non può pensare di essere lui il dominato.

I confini sono ben delimitati e ogni essere ha coscienza di sè come di una persona a sè stante.

Nel rapporto vanilla spesso i ruoli si capovolgono e le persone si invischiano fondendosi in una entità deforme che rende l’uno e l’altro vittime dell’amore stesso che hanno ricercato, trovato e poi distrutto con una unione di tipo amebico.

Ho visto addirittura qualche volta coniugi o fidanzati che si vestono persino cogli stessi vestiti, cancellando così ogni segno anche esteriore di una loro individualità.

Ciò che invece un rapporto perverso non contempla è proprio questa insana confusione e fusione di identità che non sta a significare un legame stretto ma solo una infantile dimostrazione di attaccamento all’altro come ad una figura da “imitare”.

Perchè dunque io debbo amare un padrone?

La risposta mi sembra ovvia: la sua persona e il suo modo di essere è così diverso e distinto dal mio che insieme siamo bianco e nero ma mai grigio. Questa distinzione tra me e lui è una cosa che rende il tutto più chiaro e sicuro.

Non mi aspetterei mai per esempio che un padrone si rivelasse un Peter Pan come molti uomini vanilla si dimostrano dopo anni di matrimonio o convivenza. Perchè un padrone è una persona adulta, matura e cosciente di sè.

E non mi aspetterei che un padrone diventi un parassita come certi uomini vanilla che pendono dalle labbra delle loro mogli-pseudomamme da cui si fanno trattare come bimbi malati.

Ecco, questi sono soltanto due motivi dei molti che fanno sì che una donna possa amare un padrone.

Un padrone ha anche dei difetti, questo è chiaro, ma il suo difetto non sarà mai quello di non avere coscienza di ciò che egli è. Ed è la sua natura che lo rende differente dal resto degli uomini vanilla, che sono per lo più confusi e indifesi.

Un padrone lo si ama perchè, anche nel gruppo si capisce sempre che è lui colui che comanda.

Chi comanda ha una bella responsabilità ma se lo fa lo fa perchè la sua natura gli dona la forza per fare ciò, e non è da tutti potersi gestire e gestire tutto con serietà, fermessa e decisione.

Di uomini ce ne sono molti, di padroni pochissimi. La differenza la si può percepire soltanto dopo averne scoperto uno vero in mezzo a tanti falsi.

1025-hands-540-300x199