LA CAGNOLINA INFELICE

CAN

C’era una volta una cagnolina dal pelo rosa. Si chiamava Susy ed apparteneva ad un padrone cattivo che la teneva sempre legata ad un albero in giardino.

La piccola Susy strattonava la catena ma non riusciva a romperla. Guardava la strada e vedeva gli altri cani liberi di girare e correre e lei invece infelice era sempre legata a quell’albero.

Ogni altro vicino di casa passava e la guardava ma nessuno di loro bussavano alla porta per parlare col padrone e dirgli di liberare quella cagnolina infelice.

Susy guardava quelle persone con occhi tristi ma a nessuno veniva mai compassione per il suo stato.

Così calava il muso a terra e si lasciava scivolare a terra.

Ormai nemmeno abbaiava più. Non aveva più la voglia di farsi sentire da nessuno.

Poi un giorno un uomo straniero passò di lì. Era sul marciapiede e canticchiava quando la vide.

L’uomo si girò e si fermò. Susy alzò la testolina e fece un debole bau.

L’uomo continuò a fissarla. Poi si mosse verso di lei. Attraversò il giardino e le andò vicino.

Allungò la mano e l’accarezzò. Susy si alzò sulle zampe e uscì la lingua e iniziò a scodinzolargli.

L’uomo sorrise e continuò a farle delle carezze.

Susy tirò la catena per fargli capire che era legata e voleva liberarsi.

L’uomo vide la catena ma continuò a farle carezze.

Susy abbaiò più forte per fargli capire come si sentiva a stare in quel modo.

L’uomo la guardò negli occhi ma non battè ciglio e continuò a dirle: ” brava, che dolce che sei, brava. ”

Susy lo fissò supplicando, abbaiando come una pazza.

L’uomo si spaventò e credendo che lo volesse mordere si allontanò.

Susy lo vide andar via a gambe levate. Calò di nuovo la testa e si lasciò morire legata a quell’albero.

Non aveva mai sperato di poter tornare libera ma quell’uomo le aveva ridato la voglia di vivere.

Invece se n’era andato e lei era rimasta con la sua catena.

Da quel giorno in poi rifiutò il cibo del padrone e si lasciò morire.

 

 

Advertisements

LA PIOVRA MATRIGNA

PIOVRA

Deboli impuberi volontà

s’avvinghiano ai cordoni ombelicali

della piovra matrigna.

Deboli spiriti in cerca di catene

s’imprigionano da soli alle vecchie sedie di casa.

Macinadesideri stritolano gole mute

che invocano inutilmente il suo nome.

La Dama Nera non ha più voglia.

La Diana Nera non ha più dita.

Infime passioni non scuotono la sua vita.

Solo l’amore merita la sua totale attenzione.

Orde di figliastri, rimasti orfani,

allungano le radici nella nebbia della sua veste mattutina,

putrefatti e sudati dai sogni notturni.

Ma la Dama Nera siede in giardino

e aspetta un solo medievale pellegrino.

L’amore occupa lo spazio delle piante

ch’ella annaffia ogni giorno col suo spirito mentale.

L’unico sentimento percepito è quel legame,

a lungo cercato e ora consapevole di esistere nel suo cuore.

Non importa quanto lontani da sé si vada,

non importa quanto ci si trovi distanti dal proprio scopo.

Spunta il giorno, cade la notte,

la Dama siede nel suo giardino di rose.

Non muove le labbra, non muove il naso,

immobile osserva l’aria, ferma rimane

e coglie le sue rose.

La Dama Nera non pensa ad altro,

non desidera null’altro da nessuno,

nel giardino ella rimane come statua,

piantata dentro se stessa.

Uomini larva sono solo un ricordo,

essi sostano ancora sull’altra riva,

là dove il fiume scorre ancora veloce.

Ma la Dama Nera ormai è alla foce,

ha fermato l’acqua e immobile guarda

l’altra riva dove s’affollano le anime vuote.

Non muove un passo, non muove una mano,

ella immobile aspetta il suo unico amore umano.

Nessun altro desiderio avvolge la sua mente,

ella solo l’aria annusa e sente.

L’amore di quella sublime essenza

che non ha bisogno di corpi riuniti

né di carne sul fuoco della bocca.

La Dama Nera siede nel suo giardino di rose.

Nulla smuove la piovra matrigna

e gli uomini sono tutti larve in putrefazione

su quella riva dove si consuma il sesso di una prima lezione.

Quegli occhi di morte ella non vede più,

ma guarda quei fiori che crescono dentro di lei,

e ferma rimane ad attendere il suo prescelto.

Angeli dannati a cui è data solo un’altra dannazione

cercano invano il sole verso il suo viso.

Ma la Diana Nera ha messo un diverso agnello sull’altare

e lo sacrifica a Pan, suo unico padre.

La Dama Nera osserva la tempesta

rimanendo fuori dal ciclone

e commiserazione ha per quelle anime in pena

che cercano ancora la sua dominazione.

Le rose hanno diversi colori,

la Dama Nera guarda la sua strada,

conosce già il suo futuro

e non muoverà un piede

per andargli incontro.

I FIORI DEL DOLORE

Fleur du Mal I

 

Dai fiori secchi posson crescere rose.

Dai fiori marci posson crescere margherite.

Dai fiori secchi posson nascere cose misteriose.

Ogni stelo scrive sulle corolle con linfa nera.

Ogni stelo scrive su ogni petalo

con linfa amara.

Dalle anime secche posson nascere gemme.

Dalle menti ritorte posson nascere cristalli.

E tu che sei giardiniere dei numeri infiniti

puoi far crescere ramificazioni di iperboli

dai cespugli di rose fino ai bordi di margherite.

Nelle tasche porti i semi della tua Primavera

ma indossi uno sbiadito grigio che ti sotterra

nei vasi dei sogni che annaffi con tanta attenzione.

Arbori di dominio sono bagliori di albe ancora non spuntate

sul vestito dei miei fiori secchi caduti sulle vostre aiuole per caso.

CHIUSA DENTRO LA TORRE

L’ombra dei muri dentro la torre,

l’ombra dei limiti dentro ai muri:

la fanciulla vuole rimanere dentro la torre.

L’ombra di una libertà negata,

l’ombra di una volontà rubata

da chi racchiude il segreto del perduto amore.

La fanciulla ha chiuso la porta,

ha messo un pesante lucchetto,

vuole seppellire il suo dolore

dentro i muri della passione.

Vuole essere alba solo per le ombre.

Sparge i suoi capelli sul letto,

conta le scure ciocche,

come se leggesse delle scritte:

su ognuna di esse c’è scritto un solo nome.

Ripiega la testa, si abbandona alla disperazione.

La fanciulla conosce il dolore,

quell’ombra senza testa che la insegue,

che le tiene legate le mani,

che la tiene prigioniera.

Quell’ombra senza testa,

che la tiene in una gabbia invisibile,

le lascia la porticina aperta ma le impedisce di andare via.

Perché rincorri un altro cavaliere?

Perché fuggi da me, mia alba segreta?

Nel giardino di rose poteva sgorgare

la fontana del nostro mare,

ma invano aspettai dentro la torre

che ti ricordassi di essere “Padrona” come me.

Quell’ombra rimane sui muri,

viene e va a suo piacimento,

sul mio giaciglio non dormo più

e ho lasciato che le rose divenissero cenere.

Non sospirare, non sospirare per me,

io conosco bene lo strazio

di non avere ciò che più amo.

NEL TUO GIARDINO SEGRETO

Sapone liquido che libera i polsi dalle strette salde dei tuoi tocchi arroganti,

Sangue riverso sul nome tuo che avevo predetto sul mio letto di tormenti.

Il tuo cervello mi ha liberato i polsi dal dolore di un rifiuto.

Il tuo piombo nero come visione per il mio pube dorato.

Un fiore pronto per diventare chiodo di ferro nella tua mente.

Un fiore che raccogli con la cura di un bravo giardiniere.

Acqua, vento, pioggia, niente può scuotere questo nostro giardino segreto.

Sapone liquido per lavare la mia coscienza distorta dal tuo malefico fiato di diavolo severo.

Mi lavi, mi asciughi, mi purifichi da te.

Mi lavi mi asciughi, mi liberi di me.

Un fiore posto nel vaso di cristallo del tuo giardino segreto.

In mezzo a rovi e biancospini, un fiore di marmo scolpito da te.

Tu sei l’artista che mi ha scovato nell’angolo sperduto in cui sostavo

in attesa di quello spruzzo di vita che avrebbe ravvivato le mie foglie,

in attesa di quello sguardo feroce che avrebbe messo ali al mio cuore.

questa misera larva che hai trovato in mezzo all’humus del tuo giardino,

questa umile, docile anima ricoperta di fango, l’hai resa già capolavoro

con la natura distorta delle tue mani che ciò che toccano rendono schiavo.

Il danno è fatto e la trasformazione è evoluzione della mia specie ignota:

DNA ristampato sotto i colpi che gli hai dato per renderlo simile al tuo,

così simili noi, così opposti, da poter pensare di divenire uno insieme.

O mio lupo Cattivo, il seme che hai piantato nel tuo giardino segreto,

rimarrà nascosto, perché solo tuo dev’essere il privilegio di poterlo far sbocciare.

https://www.youtube.com/watch?v=7mitasNyfWo