AMORE A PRIMA FRUSTA

Dp0UIStUwAAFpgW

Oh quanto sono vergini le mie natiche!

Oh quanti ardori rimangono sospesi nella tua mano.

La mia carne cosi calda non sarà riscaldata ancora per poco.

Il tuo tocco magico rimane dentro il tuo forte polso.

E i miei pori rimangono calmi e non vibrano a nessun colpo.

Ma presto saranno risvegliati tutti quei draghi dormienti.

Tutti quei signori del dolore ingabbiati dentro il tuo torace.

Perchè il mio culo li chiama tutti a raccolta adesso che ho scelto di essere piegata.

E la tua frusta sarà per me come il primo paradiso sulla mia terra epidermica.

Oh quanto ti piacerà sapere che nessun sospiro ho mai fatto,

ma che adesso il mio respiro è diventato più ardente,

e che il pensiero di te

accende ogni mia fibra inviolata.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

Advertisements

ESITAZIONE

erik-thor-sandberg03 (1).jpg

Non piu.
Non va.
Non è questa la strada.
Non è cammino.
Non è adesso.
Non era prima.

Avevo creduto.
Non ce nulla di vero.
Non dire e non fare.

Devi dire sempre sì? Altrimenti si arrabbia?

La giostra ha molti cavalli finti e solo il giostraio sa riconoscere chi li cavalca.

Ma girano lo stesso.
E tutti guardano le luci scrintillanti.

Ma non è brillantezza reale. Qualunque donna può mostrare i suoi gioielli. Ma nessun fantino sa riconoscere il cavallo vincente.

Era soltanto una prova.
Come poteva sapere il vacillare del vento dentro il mio corpo?
E il cambiamento del suo atteggiamento, così inaspettato.
Uomo forte, predatore esperto, leader del desiderio.

E il desiderio se n’è fuggito tutto. Non era pronta la luce a venire oscurata. Ma chi aveva acceso il suo pensiero era convinto che sì, quella luce ci fosse.

Ogni Padrone vuole illuminare se stesso ma l’interruttore lo tiene lei nella sua fragile mano.

Ha perso la prova e l’esitazione ha vinto. Chi conosce il vento sa che non si ferma mai con un comando.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

 

UNA PICCOLA DOTE

f05174131f048ff3c9694feebbf2f1ce.jpg

Ho una piccola dote mio Signore,

Non conosco nulla del vostro mondo.

Ho una piccola dote mio Signore,

Non so essere maliziosa.

Ho una piccola dote mio Signore,

Non ho mai conosciuto il dolore.

Ho una piccola dote mio Signore,

Non ho mai conosciuto il calore delle vostre mani.

Ho una piccola dote mio Signore,

Non conosco nessun altro che veda in me tutto questo.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

NOTTE AL BUIO

artmtl-7-comme-7-peches-capitaux-7-comme-7e-f-L-ZDzneK.jpeg

Come ti senti?

Non lo so.

Ma è una cosa importante.

Forse mi sento come una candela che non è stata ancora accesa.

E che tipo di fiamma avresti?

Credo che sarebbe una fiamma esplosiva.

Riusciresti a farla uscire tutta la tua fiamma?

Credo che sarebbe un vero incendio.

Allora cosa senti dentro di te?

Un pericolo.

Un pericolo di che tipo?

Il pericolo di diventare me stessa.

Ma io potrei avere un fiammifero lo sai?

Non lo so.

Vorresti saperlo?

È buio non riesco a vederti.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

 

 

 

 

IL FILO NASCOSTO

Anne_Anderson05

Il cane segue il padrone perchè questi gli dà il cibo.

L’uomo segue la donna perchè gli dà l’orgasmo.

La donna segue l’uomo per la sua distruzione?

Attitudini e impulsi masochisti  vengono ricamate sul petto di molte fanciulle ingenue.

Fanciulle dominate da belli e brutti sadici che esigono totale dedizione.

O mostro, perchè sei tu mostro? Rinnega la tua natura e dimentica il tuo egoistico piacere!

Cosa accende la stupita voglia femminile di venir usata e abusata da un duro signore che non sa neanche vedere la bellezza di un puro fiore?

Come fa una cieca bellezza interiore ad affidarsi ad un bruto schiavo dei suoi sensi erotici e affamato solo di piacere?

State accorte, fanciulle belle, che il rospo rimane rospo e più leccate e più s’avvelena la vostra anima desiderisa d’amore.

State lontane dagli spaventapasseri pieni solo di paglia ma vestiti con l’eleganza del diavolo!

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

 

IL SEGRETO DI UN SOSPIRO

4ae51f9483510b06430a49a46c1a24fd.jpg

Non dato un bacio

Non dato un abbraccio

Non dato un piede

Non data la forza

Non data a nessuna gente.

Rimasta sua maledizione,

Un oscuro tuono,

Un arcano giorno.

Foglia e filo d’erba piegato.

Nuvole fuggite tutte.

Odore rimasto sul palato.

Gustoso silenzio del suo dominio.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

 

 

ACROBATIC DEATH

c3a8a163aa3e2075af1a3b7fb194a1eb.jpg

Solo tu mi fai diventare incapace di intendere e volere.

Solo un pensiero trafitto dal tuo non pensiero su di me mi dona tutta la sofferenza mai vissuta prima.

Dal trapezio del mio dolore non so scendere più perchè la tua mano conobbi per prima cosa e poi la mia disgrazia.

Così beatamente affranta assaporo il gusto della disfatta e mi voglio lasciare cadere.

Ma tu non sei sotto al trapezio a tendere le braccia.

Tu sei dentro la tua vita ed io sono una piuma che svolazza sotto i tuoi piedi.

Me misera! Perchè non hai pietà di ciò che ancora non mi fai?

Perchè mi lasci dondolare tra dolore e dolore?

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)