ROSSO MARMOREO

169pic1

L’anima che ha visto la propria anima allo specchio

e ha colato sangue per rimanere in vita.

L’anima che in cinque dita ha disegnato la sua fine

in quel sangue che unisce il passato al presente,

che sporcherà tutto di rosso,

che sporcherà persino il cuore nero di rosso vivo!

Quell’anima che ha deciso di recidere quel rifiuto

e che coi sonagli viene a suonare alla mia porta chiusa.

Quell’anima che non ha visto altro di quello che voleva vedere,

adesso il rosso marmoreo della mia maschera

avrà come suo incubo terribile.

Il mio sangue scorre là dove la vita ritorna,

il mio sangue riporta la vita dove l’avevo lasciata.

Scrivo un nome soltanto con le dita sporche di sangue:

………………..

Advertisements

ANIMA MIA RIBELLE

ANIMA

O anima mia ribelle,

quale pelle hai vestito finora?

Quale pelle ti ha rigenerato?

Il latex non ha ancora l’odore del tuo corpo immortale.

O anima mia ribelle,

quale altra pelle vorresti indossare?

Quale altro animale vorresti essere

per fuggire al predatore?

O anima mia ribelle

la scelta non è mai ovvia,

e si schiude un uovo

per ciò che dentro si può sbranare.

Palpitazioni che non siano indolori

non ne conosciamo e dunque peggiore

è la sorte di chi ti ha questa illusione

di poterti domare.

O mia ancella diletta,

tu mia protetta, tu sola guida di me

e della mia mente, tu sola gemella

che non mostra mai la sua ombra,

dì ancora un sì, e sarà l’ultima volta.

MIE ANCELLE

Lancelot-and-Guinevere-xx-Herbert-James-Draper

Mie fanciulle fiorite, dove vi nascondete?

Venite fuori dai cespugli e recatemi i vostri fiori.

La Regina aspetta di esser vestita a festa

poichè voi sarete il suo banchetto personale

e solo di voi ella si vuole cibare.

Mie ancelle, portatemi la corona

dove voi sarete le gemme

ed io quel diamante che brilla

unico e inscalfibile in mezzo a voi,

mie fragili sorelle.

Docili schiene piegate

alla mia frusta dolente

e non gridate al mio cuore

poichè io l’ho perso di recente

e nessuna pietà avrò

per il vostro minimo errore.

Venite, mie anime belle,

a succhiare quel nettare

che non avete mai assaggiato,

io sola ho quel forte sapore

di ciò che nessun uomo vi ha mai dato.

Mie sorelle inginocchiate,

non rialzate il capo

fino a quando il mio vestito

sarà della vostra rosea pelle

finemente decorato.

LE LACRIME DI GINEVRA

tears_of_guinevere_by_filmchild-d3gdk1i

Oh Ginevra, triste sovrana che ha visto scomparire il suo Lancillotto,

non piangere altre calde lacrime perchi ti ha fatto quel torto.

Un cavaliere che rinnega la sua dama da un giorno all’altro

non è degno nè del tuo amore nè della tua corte.

Tu sovrana potente non piangere più quel giovane combattente

che per te nemmeno una guerra ha vinto,

nè oltre quel recinto spinato si è spinto

per dimostrarti il suo valore.

Oh Ginevra, mia anima in pena,

riprendi la tua strada e torna al castello,

colui che voleva fuggire con te

non è venuto più a ripararsi sotto il tuo ombrello.

Quest’uomo sì vile non aveva corazza

e la sua debolezza non è degna della tua corona,

signora, riprendi la vita che ti è stata portata via

e donati un pò di riposo da quel pianto

che sciupa le tue notti di tormento.

Felice colui che non ha te non sarà mai!

Felicità colui che non ti è devoto non troverà mai.

Il tuo regno e il tuo potere meritano altri cuori

più coraggiosi e pronti solo a te servire.

Coraggio, apri quella porta

e lascia in tasca la chiave,

ciò che ti aspetta sarà solo luce

ed eterno calore.

UCCELLI DI CARTA

UCCELLI

Mi girano intorno uccelli di carta, leggeri, superficiali, colorati come delle illusioni.

Mi girano intorno stupidi somari che credono d’esser pronti a sputare sangue per me.

Mi girano intorno leggiadri puledri che scalciano per avere la mia sella.

Nessuno di loro è tale da poter avere il mio giogo.

Nessuno di loro è tale da poter meritare il mio frustino.

Nessuno di loro sa davvero cosa sia “essere di qualcuno”.

Piccoli disastrosi mostriciattoli che zampettano, squittiscono, svolazzano

come passeri in cerca delle mie briciole.

Invano si posano sulla mia mangiatoia,

non sono buoni nemmeno per beccarsi tra di loro.

Ignobili e schifosi uccellacci del malaugurio

che non sanno adorare nemmeno un pezzo di pane.

Centinaia di anime sperdute di cui non so che farmene,

che piegano le ali senza che io apra le loro piume

e son pronti a obbedire come se fossi un vero generale.

Non ho bisogno di nessuno di voi, parassiti,

perchè non siete degni che di qualche allevatore

che vi metta in gabbia e vi tagli il becco

per esser contenti e credervi finalmente schiavi.

No sapete fare la differenza tra un seme e un chiodo

ecco perchè ingoiate solo merda!

OSCURAMI CON LA TUA LUCE

Angeli erano scesi

Per portarmi nei cieli assisi

ma tu hai fermato il loro canto

con la tua voce imponente.

Angeli erano scesi

per salvare la mia anima

ma tu l’hai afferrata

prima che andasse altrove.

Angeli erano scesi

per contrastare i demoni

che mi strozzavano il fiato

ma tu hai fatto scomparire questi e quelli

impossessandoti di me

come uno spirito dannato.

Angeli erano scesi

per farmi dimenticare il tuo nome

ma tu l’hai scritto sulla mia fronte

ancor prima che ti dicessi

d’esser tua.

Angeli erano scesi sulla terra

per vanificare la mia scelta

ma infine tu stesso sei volato in mezzo a loro

e ti sei mostrato come colui che tra tutti

ha il maggior fulgore e la maggior potenza,

e hai scelto la tua magnifica luce

per oscurarmi.

(english version)

Angels were down

To take me in heaven

but you have stopped their singing

with your voice impressive.

Angels were down

to save my soul

but you’ve grasped

before he went elsewhere.

Angels were down

to counter the demons

I choked the breath

but you got rid of that and the

impossessandoti me

as a spirit damned.

Angels were down

to make me forget your name

but you’ve written on my forehead

even before I told you

of being yours.

Angels had descended on earth

to frustrate my choice

but ultimately you yourself are flown in their midst

and you have proved yourself as one who among all

has the greatest splendor and the greatest power,

and you’ve chosen your magnificent light

to block out.

CRETA

Mio Signore, ho lasciato tutto quello che c’è stato prima,

la mia vita passata, per essere creta nelle vostre mani.

Voi mi lavorerete con la vostra esperienza,

l’esperienza del vostro passato, e mi aiuterete

a diventare opera vostra personale.

Dimentico tutto ciò che ho vissuto senza di voi,

dimentico ciò che sono stata prima di voi,

ciò che mi ha ferito  e reso cieca

di fronte al mio vero essere

è del tutto svanito.

Adesso solo voi mi scoprite

e mi portate alla luce.

Sugli spazi che ho lasciato dietro di me

potete scorgere volti, parole, suoni, croci

e su tutto questo voi ponete il vostro potere

e lo cancellate come fosse stato solo fumo.

L’effimera esistenza in cui avevo avuto fede

rimane sul muro della mia memoria

come un poster scolorito

che adesso non mi dà più nessuna emozione.

La vostra forte consistenza rende la mia materia

pronta alla fusione col vostro elemento animale.

Voi, maestro, mi rendete migliore,

in un mondo dove il peggio

è ormai la regola, e voi che siete giunto in alto

vi degnate di guardare in basso e porgermi la mano

per insegnarmi ciò che non conosco.

L’arte di trasformare il proprio essere,

grazie all’intervento di uno scultore come voi,

mi è ancora sconosciuta ma so che dalla creta

qualcosa di stupendo sta già nascendo.

Un accenno di forma, un idea che diverrà opera vera.

Hai scavato un filone d’oro

dove altri vedevano solo dura roccia.

Hai tolto valanghe di detriti

dal mio tormento quotidiano

e lo hai reso tempo prezioso

per il tuo perfido piano.

Ora che avete trovato il vostro tesoro,

lo ammirate contento e sicuro

che questo tesoro sarà il gioiello

che porterete in giro

come vostro unico ornamento.

hart

 

( english version)

My Lord, I left everything that was there before,

my past life, to be putty in your hands.

You will be working with me your experience,

the experience of your past, and you will help me

to become your own personal work.

I forget everything I’ve lived without you,

I forget what I was before you,

what hurt me and made blind

in front of my very being

is completely gone.

Now only you find me

and I brought to light.

On the spaces that I left behind me

you can see faces, words, sounds, crosses

and all this you place your power

and deleted as it was just smoke.

The ephemeral existence in which I had faith

stays on the wall of my memory

like a faded poster

Now that does not give me the passion anymore.

Your strong consistency makes my subject

ready to merge with your animal element.

You, Master, make me better,

in a world where the worst

is now the rule, and those who have come up

deign to look down and hand me the hand

to teach what you do not know.

The art of turning one’s being,

thanks to the intervention of a sculptor like you,

I is still unknown but I know that from clay

something wonderful is already being born.

A hint of shape, an idea that will become true work.

You dug a bonanza

where others saw only hard rock.

Did you remove debris avalanches

from my daily torment

and you have made them valuable time

for your evil plan.

Now that you have found your treasure is,

admired him happy and safe

that this treasure will be the jewel

that you will take around

as your only ornament.