L’ETERNO DILEMMA

gif-animated-gif-fashion-male-model-Favim.com-1914241.gif

Accontentarsi di una pet se non si può avere una slave?

Accontentarsi di una donna curiosa se non si può avere una sub?

Accontentarsi di una switch se non si può avere una Domme?

A volte il desiderio delle persone bisognose deve fare i conti con quello che si trova in giro.

E mentre una Domme per esempio ha vasta scelta su chi sottomettere, sceglendo appunto solo chi ritiene adeguato per se stessa.

Così non può fare un sub o uno slave perchè l’ampiezza di scelta è minore.

E anche un Master, che nonostante possa incontrare centinaia di donne, visto che al mondo ce ne son tante, avrà più difficoltà a trovare una vera slave.

Molta gente recita più ruoli. Recita appunto. E c’è chi accontenta.

Ma c’è più piacere nell’odorare una margherita facile da cogliere e senza profumo oppure aspettare la rosa vellutata dall’intensa fragranza?

Devo ammettere che nella cerchia degli esseri umani i più frettolosi son gli uomini che prendono di tutto pur di esercitarsi e soddisfare il proprio desiderio di piacere.

Ma il desiderio di piacere non appaga il desiderio di potere, ossia di dominazione.

Allo stesso modo gli slaves scodinzolano a chiunque e son ben lieti di seguire qualunque tacco a stiletto.

Le donne invece attendono il legame, l’appartenenza reale, profonda. A parte quelle galline che frequentano diversi pollai all’insaputa del loro Signore.

Comunque c’è questo dilemma, che alcuni appunto non hanno, poichè si abbuffano di qualsiasi cosa, tra lo scegliere ciò che più si confà ai nostri bisogni oscuri oppure prendere la prima cosa afferrabile.

Così alcuni slaves si accontentano delle attrici col frustino in mano e alcuni Master si accontentano delle gonnelline svolazzanti delle farfalle primaverili.

Ma poi, trovano soddisfazione per i loro impulsi? Molti mi hanno detto di no.

Ma mentre uno slave ha un bisogno assoluto di una mano ferma che lo guidi, poichè è pressato dai propri impulsi.

Un Padrone o una Padrona, intendo quelli veri, non hanno fretta di cogliere facili fiori da esporre al ludibrio del pubblico ma aspettano il gioiello unico che sia degno del loro potere.

Advertisements

IL CARNEFICE ENIGMATICO

georgegrosz-rememberuncleaugusttheunhappyinventor1919

Un punto interrogativo cablato dentro il nucleo mentale

Abbottonato risente di lame fugaci che addentano il cuore.

Quale rebus mostra il suo sorriso?

Quale enigma dimostra la sua cangiante personalità?

Rivolto ad un passato espropriato dalla sua fonte.

Riscritto dentro la vagina dentale.

Come stregone verde, piagnucoloso,

dalle verdi lacrime gelate.

Ammazzare la colpa della morte,

ammazzare il desiderio contorto della ragione,

è un modo di poterti evitare.

Il disegno di un bianco coniglio sulla mano

dove bruca il tuo verme pineale,

dove la tua urgenza di far del male

rimane escrescenza e segno sulla fronte distesa.

Ogni possibilità tagliata col rasoio

su quel torace che sfida ogni volo con tenacia

ma rimane a terra quando il vento cala.

 

IL DESTINO CAPOVOLTO

prigioniero_del_gioco_HD

Afferrato, tenuto in mano, lasciato andare,

gettato via, ripreso, ritrovato, rifiutato.

Destino crudele o nefasto quel dado che male ha girato?

Uno, due, cinque, sei volte lanciato in aria,

caduto, afferrato, schiacciato.

Due punti, sei punti, otto punti,

simili a decisioni prese da un lato

all’altro della vita.

Non si può esser sicuri

se è stato il caso a farci nero e bianco,

o se l’amore era l’unica via per star sotto il volere delle stelle.

Quale ordito è nascosto dietro le facce del cubo?

Chi mai ha scavato nel centro di un simile pensiero ostinato?

Tutto è andato storto, disse il giocatore,

tutto è stato giocato disse il tempo,

ma un posto è rimasto vuoto,

la sedia è calda ancora,

il giocatore dov’è andato?

Il gioco ha avuto la meglio,

e il jolly è scappato con la coda tra le gambe.

300 DESIDERI

kubinslide1

 

Sorti dal sonno. Sorti dal sogno. 300 desideri che non riesci a sfuggire. La sottile luce della lampada che non rimuove le ombre dal muro. La sottile parete che ti divide da lei. ogni respiro che fai è come un sospiro. Ogni respiro che fai lei lo sente. Lei sospira dentro il tuo sogno. Lei ti sogna così reale. La sottile differenza tra la tua pPadrona e te, schiavo, è solo una sfoglia dolcissima che rimane sulle dita della mano che accarezza le tue notti. Quale ossessione hai avuto stanotte, mio schiavo? Quale rivoluzione vorresti fare per ottenere il mio cuore?

So che rimani col muso appiccicato al tuo cuscino. Fai il muso, rimani stizzito da un incubo che non ti aspettavi. La tua Padrona è quella strega che armeggia con le carte? La tua Padrona è quella megera che mescola il calderone? La tua Padrone è quella matrona che si ciba di vergini per diletto e passione? A chi hai dato il tuo cuore?

Non era angelo quando la incontrasti. Non era principessa quando la conoscesti. Eppure hai visto in lei qualcosa di puro. Qualcosa che solo gli spiriti più perversi posseggono nell’animo. Un assoluto di incoscienza che porta al piacere sublime. 300 desideri ti hanno preso il fiato. 300 desideri di lei che ti porta dove vuole, che ti fa quel che le piace, e a te questo dona un sorriso che solo il buio della tua stanza sa apprezzare.

Lei ti ha scelto. Lei ti ha portato dentro di sè. Lei ti ha fatto giungere in quell’angolo di mondo dove non sai cosa ti aspetta. Ogni altro pensiero adesso non conta più per te. La tua Padrona è l’unica presenza vera nella tua vita. Sai bene che sarebbe venuta a prendere la tua anima. Sapevi bene che quel giorno sarebbe arrivato. Ora il tuo cuscino è tutto stritolato dalle tue mani, dai tuoi desideri, dalle tue ostinazioni. La sottile luce della lampada si spegne. Il sogno è iniziato e tu sei uno schiavo.

 

LA PECORA NERA

lisbeth_salander_2_by_photo_fx-d37hkf0

 

 

Ho giocato col fuoco, 

ho odiato gli uomini, 

ho ripreso fiato,

ho ripreso il gioco.

I castelli di carta cadono giù.

I castelli di carta bruciano.

Chi sei tu? Cosa ti hanno fatto?

Mi metto un collare spinato

per tenere lontani i padroni.

Mi metto un collare spinoso

per tenere lontani i calabroni.

Ho difeso la mia mente da ogni abuso.

Ho difeso la mia vita da ogni sopruso.

Sono la regina dei castelli di carta.

Non brucio più. Esplodo.

Non ho padroni. 

Non ho dominatori.

Nessuno più forte di me. 

Nessuno che leghi la mia memoria.

Io sono il mio Demone.

Io ho il potere!

LE FERITE DEL GHIACCIO

Amoretriste

Brecce, serracchi, fessure, fratture, ferite in quel ghiaccio eterno

dove io dormo senza dormire.

Appaiono ogni tanto ombre,

ma rimangono ombre soltanto.

Il freddo grida nel vento,

la mia carne gela senza il calore

di quella mano che diceva di regnare su di me.

Gli occhi non vengono bendati e vedono tutto.

Le mani non vengono legate e fanno tante cose.

Il cuore non viene sedato e scorre via nella sera.

Anima pesante in una veste leggera,

che muove i passi per danzare una danza di ombre.

Gli uomini sono ombre, rimangono sul muro,

non toccano mai il pavimento

per unire i loro passi ai miei.

Uomini inconsistenti, inermi, fraudolenti.

Quel ballo che le notti agognano

diventa solo agonia per me.

Ma cosa aspettarsi da miseri esseri

che non sanno sentire altro che bisogni fisici?

Cosa aspettarsi da lemuli dalle corazze ben definite

e dai fremiti invisibili che non fanno altro che nascondersi

nella sabbia delle loro misere vite?

Quanti cadono nella fossa

prima ancora di attraversare il ponte!

E quanti rimangono nello stagno

in cui hanno cresciuto così bene

le loro infime passioni

e vengono a supplicarmi di legarli

col filo e col dolore!

Non sono degni nemmeno

del nome che cercano di darsi:

schiavo è solo colui che non sa di esserlo!

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

SCIOGLIERE LA PIETRA

il nodo

Può sciogliersi la pietra sotto i raggi di un freddo sole?

Può sciogliersi un nodo fatto da una forte catena?

Può sciogliersi un sogno diventato incubo?

Quale altro gelo porterà il tuo cuore?

Quale altra morte aspergerai nelle mie vene?

Potrai nutrire il mio buio senza farmi male?

Potrai entrare senza scucire il dolore dai miei occhi?

Non ho nessuna voglia ma la voglio trovare.

Non ho nessuna speranza ma la voglio rinnegare.

Potrai spezzare quella catena che mi ha strozzato senza farmi morire?

Potrai diventare il mio vero Padrone?

Dimenticati di te.

Dimentica il motivo.

Dimentica la tua ragione.

Solo col cuore potrai avvicinarti ed avere successo.

Ma la pietra è morbida fuori e dura dentro.

La pietra ha due anime: minerale e animale.

Come potrai domare quella belva?