SEGUI IL CONIGLIO BIANCO

follow-the-white-rabbit-ludwig-van-bacon

In un’ora imprecisa il Coniglio Bianco faceva il suo giro di conquiste.

Farfalle fedifraghe, uccelletti dispersi, tori da monta e insetti intriganti.

Tutto andava a finire nel suo brodo.

Ma esisteva una Alice che sostava all’imbocco del cunicolo e quel giorno lui la vide.

Lei aveva quei capelli rossi che il sole adorava e il suo sguardo era di una ingenuità disarmante.

Il Coniglio Bianco si fermò di scatto rischiando un tamponamento e poi suonò il clacson, aspettandosi una reazione da parte di lei.

Ma Alice non aspettava nessuno e quindi rimase ferma immobile a fissare gli alberi della strada.

Il Coniglio Bianco si spazientì e all’improvviso accelerò adirato.

Quella ragazzetta aveva sfidato la sua buona intenzione.

Così quando quella sera la rivide al pub, mezza ubriaca, volle farle pagare la sua indisposizione.

Ma la fanciulla era in buona compagnia e le stavano attorno diversi ragazzi tutti sorridenti.

Il Coniglio Bianco si fiondò davanti a lei, la prese per mano e le parlò.

Alice sgranò gli occhi e non credendo a quelle parole tornò al suo entourage.

Il Coniglio Bianco offeso e nervoso uscì a fumare cento sigarette.

Dopo l’intossicamento autolesionista andò a prendere la macchina, dichiarando la sua sconfitta, ma sul cofano vide seduta la ragazzetta  astrusa.

Quindi, aprendo lo sportello con gentilezza, fece salire la sua nuova schiavetta, dimenticandosi dell’intera fauna della foresta metropolitana.

E Alice, seduta comoda sul sedile di pelle freddo, aveva già le mani legate e il morso alla bocca e sorrideva per aver sedotto il suo secolare Padrone.

( Copyright della storia di Amleta Bloom)

IL FILO NASCOSTO

Anne_Anderson05

Il cane segue il padrone perchè questi gli dà il cibo.

L’uomo segue la donna perchè gli dà l’orgasmo.

La donna segue l’uomo per la sua distruzione?

Attitudini e impulsi masochisti  vengono ricamate sul petto di molte fanciulle ingenue.

Fanciulle dominate da belli e brutti sadici che esigono totale dedizione.

O mostro, perchè sei tu mostro? Rinnega la tua natura e dimentica il tuo egoistico piacere!

Cosa accende la stupita voglia femminile di venir usata e abusata da un duro signore che non sa neanche vedere la bellezza di un puro fiore?

Come fa una cieca bellezza interiore ad affidarsi ad un bruto schiavo dei suoi sensi erotici e affamato solo di piacere?

State accorte, fanciulle belle, che il rospo rimane rospo e più leccate e più s’avvelena la vostra anima desiderisa d’amore.

State lontane dagli spaventapasseri pieni solo di paglia ma vestiti con l’eleganza del diavolo!

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

 

 

IL DEMONE DELLA LUSSURIA

asmodeo

 

Accesso spietato ai miei neuroni assediati.

Accesso spietato al mio debole virgineo solco deflorato.

Accesso a tutto quello che non è ancora tuo.

Ridendo come una lingua di serpente ritortami contro.

ridendo come un demone che sa bene le cause del misfatto

ti avvicini sempre silenzioso e prendi quello che ti spetta.

Il mio cervello infetto.

Il mio cervello infettato dai tuoi neuroni.

Assatanato da una immeritevole voglia di sedurre la mia ragione.

Cosa sei?

Cosa mi fai?

Riportami indietro.

Il luogo della mia strage è rimasto intatto.

Ogni goccia di pioggia è rimasta sulla tua lingua.

Ogni goccia della mia anima lecchi via come se fosse pura.

Strisciami addosso la tua lordura e rigenerami.