IL CARNEFICE ENIGMATICO

georgegrosz-rememberuncleaugusttheunhappyinventor1919

Un punto interrogativo cablato dentro il nucleo mentale

Abbottonato risente di lame fugaci che addentano il cuore.

Quale rebus mostra il suo sorriso?

Quale enigma dimostra la sua cangiante personalità?

Rivolto ad un passato espropriato dalla sua fonte.

Riscritto dentro la vagina dentale.

Come stregone verde, piagnucoloso,

dalle verdi lacrime gelate.

Ammazzare la colpa della morte,

ammazzare il desiderio contorto della ragione,

è un modo di poterti evitare.

Il disegno di un bianco coniglio sulla mano

dove bruca il tuo verme pineale,

dove la tua urgenza di far del male

rimane escrescenza e segno sulla fronte distesa.

Ogni possibilità tagliata col rasoio

su quel torace che sfida ogni volo con tenacia

ma rimane a terra quando il vento cala.

 

Advertisements

SPOREM BEN

SPORA

Quale spora è rimasta incastrata in un pertugio dimenticato?

Quale spora può recuperare il massacro che hai fatto dei miei ricordi?

Hai germinato il tuo potere e poi non l’hai più raccolto

e la pianta nemmeno ha avuto modo di spuntare nè crescere.

Quale riproduzione dominante è possibile senza un filo conduttore?

Quale dominazione si può ottenere quando si cancella ciò che si era ottenuto?

Quante alluvioni ci son state che han portato via di tutto?

Perchè il mio cuore dovrebbe stare nel posto in cui l’hai lasciato?

C’era una corazza spessa sul tuo e non è mai venuta giù.

Un guerriero non si concede mai attimi di riposo

ma si perde certi passi che poi diventano difficile ostacoli.

Ogni dominatore ha un punto debole ma la forza sta nello scoprirlo

e non nel tenerlo nascosto affinchè la paura di venire sconfitto

non si prenda le fila del suo discorso.

Il cavaliere che vuole salvare Biancaneve

deve scender fa cavallo e spogliarsi della sua armatura

perchè solo un uomo coraggioso avrà l’ardire di vedere se stesso

in quella fanciulla che tanto brama!

Una spora forse è rimasta incagliata

dentro una corda appesa al ricordo.

Chissà cosa potrà germinare!

 

 

DIPINGIMI LE OSSA

vilenza-5

Dipingimi con le tue mani che non hanno mai toccato un colore.

Dipingimi con quelle mani che non hanno mai visto il nero.

Dipingimi con quelle mani che non hanno ancora visto la mia forma.

Dipingi sopra di me quel rosso che faccia scomparire il nero.

Sculacciami con la tua anima.

Sculacciami con la tua mente.

Sculacciami, non dirmi nulla.

Non voglio sentire nemmeno il dolore,

voglio solo scomparire nelle tue mani.

Non c’è bisogno di un motivo per farmi distruggere,

e tu non ci riuscirai.

Immenso è quel tormento che striscia nella mia bocca,

e tu lasciala sempre chiusa,

perchè non voglio mai pronunciare alcun nome

che c’è stato prima di te.

Disegnami tutta, da capo a piedi,

rendimi nuova, come non sono mai stata.

Riducimi nella tua forma e nella tua sostanza,

abbi cura di me.

Sculacciami le ossa.

Sculacciami le maledette idee che affollano il cervello.

Sculacciami e rendimi muta mentre griderò.

Dipingimi con le tue mani,

solo il potere del  corpo può ridurre in polvere

la mia mente.

DIO E IL DIAVOLO INSIEME

Non calpestare la linea rossa

 

Conserva la mia memoria dentro le tue dita.

Conservami nelle tue tasche, mio Signore.

Tu sei Dio e il Diavolo insieme,

perchè crei e distruggi ciò che vuoi.

Tu solo hai il potere di fare rosso o nero se vuoi.

Tu solo hai il potere di aprire la tua mano e prendermi il cuore.

Oltre quella linea dove non vuoi andare,

ci sono farfalle nere che mi tagliano la strada.

Oltre quella linea rossa di passione

ci sono maschere di latex che aspettano un mio ordine.

Conservami dentro la tua mente, mio Signore,

io sono la tua cellula maligna e ti attizzo il cuore.

Conservami nel tuo armadio,

io sono il tuo scheletro da non tirare mai fuori.

Io so che gli uomini scelgono sempre la stessa cosa

ed io non voglio finire disseccata come una rosa.

Pungiti! Fammi sanguinare, ma non privarmi mai del tuo cuore.

FAMMI PERDERE I SENSI

images (9)

Chiuderò gli occhi

per vedere solo te.

Chiuderò la bocca

per sentire solo il tuo bacio.

Fammi perdere i sensi,

riducimi in frammenti dispersi,

riducimi come tua schiava felice di servirti.

Tu puoi essere l’UNO,

ed io sarò ai piedi del tuo potere

perdendo me stessa nei pezzi

che tu riuscirai a mettere insieme

per creare la tua creatura,

secondo la tua volontà.

Io sarò i tuoi pezzi di anima

che nella mia pelle prenderanno vita.

TRISTE SORTE

images

 

E’ proprio triste la sorte

di una schiava ancora novizia,

inviolata, intoccata, perfettamente integra.

Triste il destino che le ha tolto

quel mostro che doveva portarla

su in cima, alla fonte del dolore.

Ora sotto il velo della delusione

la schiava sogna un diverso amore,

un diverso signore,

che sappia sfruttare meglio il suo tempo,

e non si facci così tanto attendere.

Un velo di fumo

che solo il futuro potrà disperdere.