NO MONEY MISTRESS

STUDENTESSE ANNOIATE E BISOGNOSE DI FONDI ECONOMICI, MOGLI E MADRI DISOCCUPATE BISOGNOSE DI FONDI PER FARE SHOPPING, FIDANZATE E COMPAGNE INSODDISFATTE CHE CERCANO REGALI IN DENARO PER COMPRARSI I LORO OGGETTINI SFIZIOSI. POSSIBILE CHE CI CASCHIATE COME DEI FAGIOLI? DONNE CHE VOGLIONO SOLO SPILLARVI SOLDI E NON LO FANNO PER PASSIONE O PER DEDIZIONE O PER VERA INDOLE DOMINANTE. MA PARE CHE STIANO AUMENTANDO QUESTE MISTRESS CHE SVUOTANO LE TASCHE DEGLI UOMINI STUPIDI CHE CERCANO IL DOLORE A PAGAMENTO.

CREDO CHE SIA ARRIVATA L’ORA CHE APRIATE GLI OCCHI PERCHE’ QUESTO COMMERCIO LO ALIMENTATE VOI E VI SPOGLIATE DI INTERI STIPENDI PER OTTENERE DA QUESTE SEDICENTI DONNE QUALCHE FRUSTATA. INSOMMA, SIETE DAVVERO COSI’ IDIOTI DA ACCONTENTARVI DI UNA RAGAZZETTA CHE VI DA’ ORDINI IN CAM? SIETE COSI’ BANALMENTE DESIDEROSI DI UN PO’ DI SOFFERENZA CHE LASCIATE A LORO I VOSTRI RISPARMI?

APRITE GLI OCCHI! QUESTE MERCENARIE VOGLIONO SOLO I VOSTRI SOLDI E NON IL VOSTRO DOLORE. NESSUNA STIMA PER DEGLI UOMINI CHE SI ACCONTENTANO DI UNA DONNA CHE LI FA SOFFRIRE A SUON DI SOLDI!

LE MIE OPERE EROTICHE

Ci sono persone che scrivono un libro e lo mettono nel cassetto e poi sperano di pubblicarlo. Un solo unico libro che magari racconta la loro vita. Altre persone riempiono i siti di racconti personali di esperienze erotiche, sadomaso e non, e pensano che quella sia scrittura, che sia letteratura, che sia qualcosa che possa rimanere nel tempo. Ma il mestiere di scrittore non è così semplice come si crede e solo quando hai scritto più opere puoi dire di essere uno scrittore. Perchè si fa presto a scrivere un libro ma scriverne molti è più difficile. Qui vi metto, su richiesta, la mia pagina con tutte le mie opere erotiche pubblicate con diversi editori che hanno creduto in me e nel mio talento:

https://www.amazon.it/s/ref=dp_byline_sr_ebooks_1?ie=UTF8&text=Amleta&search-alias=digital-text&field-author=Amleta&sort=relevancerank

Di seguito le copertine di tutte le mie opere:

IL MIO PRIMO ROMANZO EROTICO

Ecco, è ufficiale, stamattina è stato pubblicato il mio primo romanzo erotico. La prima lunga faticosa opera, non autobiografica, che mi ha impegnato in questi mesi. Per adesso è nel sito del mio nuovo editore ma presto sarà anche su Amazon e su tutti gli altri siti di vendita di libri. Quindi per adesso dare un’occhiata e buona lettura a tutti. Ovviamente si tratta di una storia di una donna la cui psicologia interiore di Mistress viene scandagliata fin dagli esordi per mostrare quali impulsi ed emozioni portano verso una scelta così estrema di vita.

( cliccando sull’immagine potete andare alla pagina su Amazon dove è presente il mio libro)

LA CAGNOLINA INFELICE

CAN

C’era una volta una cagnolina dal pelo rosa. Si chiamava Susy ed apparteneva ad un padrone cattivo che la teneva sempre legata ad un albero in giardino.

La piccola Susy strattonava la catena ma non riusciva a romperla. Guardava la strada e vedeva gli altri cani liberi di girare e correre e lei invece infelice era sempre legata a quell’albero.

Ogni altro vicino di casa passava e la guardava ma nessuno di loro bussavano alla porta per parlare col padrone e dirgli di liberare quella cagnolina infelice.

Susy guardava quelle persone con occhi tristi ma a nessuno veniva mai compassione per il suo stato.

Così calava il muso a terra e si lasciava scivolare a terra.

Ormai nemmeno abbaiava più. Non aveva più la voglia di farsi sentire da nessuno.

Poi un giorno un uomo straniero passò di lì. Era sul marciapiede e canticchiava quando la vide.

L’uomo si girò e si fermò. Susy alzò la testolina e fece un debole bau.

L’uomo continuò a fissarla. Poi si mosse verso di lei. Attraversò il giardino e le andò vicino.

Allungò la mano e l’accarezzò. Susy si alzò sulle zampe e uscì la lingua e iniziò a scodinzolargli.

L’uomo sorrise e continuò a farle delle carezze.

Susy tirò la catena per fargli capire che era legata e voleva liberarsi.

L’uomo vide la catena ma continuò a farle carezze.

Susy abbaiò più forte per fargli capire come si sentiva a stare in quel modo.

L’uomo la guardò negli occhi ma non battè ciglio e continuò a dirle: ” brava, che dolce che sei, brava. ”

Susy lo fissò supplicando, abbaiando come una pazza.

L’uomo si spaventò e credendo che lo volesse mordere si allontanò.

Susy lo vide andar via a gambe levate. Calò di nuovo la testa e si lasciò morire legata a quell’albero.

Non aveva mai sperato di poter tornare libera ma quell’uomo le aveva ridato la voglia di vivere.

Invece se n’era andato e lei era rimasta con la sua catena.

Da quel giorno in poi rifiutò il cibo del padrone e si lasciò morire.

 

 

CRIMINI SENTIMENTALI

vittima_RC-638x425

Sfilacci di carne malata.

Sfilacci di amore malato.

Sfilacci di sudore rappreso, teso da filo a filo

sul sedile del dolore.

Sfilacci setosi di miele nero.

Sfilacci di sordide vele che non salpano.

Un viaggio nel crimine peggiore che dona la sua vittima.

Sanguinosa sorgente di rossa disperazione, l’amore.

Sanguinosa insorgenza di strettorie venose

che attaccano il cuore stesso e lo uccidono.

Restrizioni malefiche indiovenose,

maledizione emotiva di una ferita infantile.

Due lancette conficcate a dovere

sulla sintesi del tempo disperso,

due lancette conficcate a cuore aperto.

Ogni arma rimane sporca,

ogni arma è ritorta all’uccisore,

poichè chi uccide l’amore

non salva mai se stesso.

DISGREGAZIONE DELLA VOLONTA’

Tomasz Alen Kopera

Il cipiglio, un libellum, un infingardo sussurro di voce senza voce.

Quello che l’orecchio non ode ma che l’aria sente.

L’hummus che erode ogni strato di pietra del muro di difesa.

Una violenza subdola peggiore del suono del tuono.

Crudele trappola per capovolgere la direzione mentale.

Sonda per l’anima.

Sonar interno incursore.

Suona una nota sempre uguale.

Bussa ad un muro di energia diseguale.

Positiva presa di carne prima di lasciare la presa.

Soddisfazione subliminale per una via traversa.

Unica via per dialogare, tra cervello e cervello,

uno scambio tra livello e livello.

Poderose connessioni cerebrali,

come un fantasma chiami il mio nome,

e rimani appeso al contorno di un suono

che proviene solo da te.

Spargi la mano là dove il fumo

lascia solo la forma della mia mente,

e non si riesce più ad avere quell’anello

a cui agganciare la catena.