LA CORREZIONE

1200px-Forced_fem

Sei così imperfetta e ti credi già una schiava esperta.

Chi ha deviato i tuoi pensieri molesti?

Ti vesti di obbedienza e rumini desideri.

Ma tu non dovrai avere alcun desiderio.

La mia catena ti porterà dove io vorrò e tu sarai il mio giocattolo schifoso.

Nulla di te è perfetto e solo io posso agire sul tuo volere e sul tuo vivere.

Sei stata tu a voler dimenticare ciò che sei stata e adesso che vuoi diventare il mio gioiello dovrai esserne degna.

Non ho pietà, non ho sentimento, non ho nessun perdono per ogni sbaglio che farai.

E il tuo viso sarà coperto di nulla se non del mio disprezzo per te, piccola insulsa stronzetta.

(Copyright della poesia di Amleta Bloom)

LA PURIFICAZIONE

tumblr_c9f432379812be28f66f15f125add7a9_938bb280_1280

Docile dev’essere il tuo sguardo e non osservare mai altrove.

La tua Padrona è l’unica visione consentita.

Docile dev’esser la tua nuova vita, votata alla costruzione di una volontà raffinata dalle mie istruzioni.

Pulita la tua anima da ogni precedente passato, ogni dolore, ogni delusione.

Tu sola, interamente mia, saprai soddisfare la mia fame del tuo futuro.

Sempre offerta e aperta al mio desiderio oscuro.

Piegherai ginocchia e occhi a terra. Non guarderai mai la tua sublime visione preferita, ossia la tua Sovrana.

Il tuo cirpo sarà il mio regno, perciò lo purificherò da ogni lerciume maschile.

E tu sarai la mia nuova bambola di porcellana fine e potrò frammentarti con un soffio.

Tu bruco deforme e inutile ed io farfalla meravigliosa.

Questa immagine infonderai nel tuo pessimo cuore corrotto.

E col fuoco imprimeremo la tua perdizione mistica.

(Copyright della poesia di Amleta Bloom)

NESSUN AMORE MI POSSIEDE

tumblr_1b7d537c896ae6ee8ba169e5cfbaf86f_39bcdc21_1280

Cammino dentro la notte del tuo perverso desiderio.
Mi riposo nel colore scuro della tua pelle.
Le mie labbra danno un nome alla mia vita, ma lo sento pronunciare da troppe persone.
Nelle onde dell’aria sta danzando la nebbia magica e bianca, e ti calpesto coi miei tacchi di metallo.
Calpesto le tue dita che disegnano sogni di amori infiniti.
Io sono sovrana di dissoluzioni e non di amori.
Cammino accanto allo spazio della tua mancanza segreta; ciò di cui necessiti sono le mie punizioni.
Sei un ridicolo debolissimo insetto indegno di sostare sotto la mia ombra.
Sono coperta dalla mia notte e mi risveglio con tanti pensieri indossati a caso.
Aspetto la primavera per far suonare il mio corpo sopra il tuo cadaverico stupore.
Sei una pianta che cerca il mio calore e la mia linfa azzurra. Ma io sono l’edera che ti avvinghia e ti soffoca.
Mi libero del tuo dolore come una regina si libera dei serpenti velenosi e ceno col sorriso di non averti di fronte.
Riposami accanto ma non giacere sui miei vestiti.
Sono rosa e verde, gialla e blu e tu li annusi come reliquie preziose.
Giaccio come un arcobaleno sul tuo lenzuolo mentre tu dormi a terra.
Io non ti guardo perchè tu esisti.

( Copyright della poesia di Amleta Bloom)

TENTACULARIA

 

Captura de tela inteira 08082013 144247.bmp

I tentacoli della memoria aprono i cancelli di quel dolore attorcigliato alle braccia dell’amore.

Sembra che tutto diventi acqua passata ma invece si continua ad annegare ancora.

O mio diletto oggetto privilegiato, a nulla ti servirà rimaner vanesio.

Poichè un’orchidea oscura la formica che s’arrampica per arrivare al cuore della Sovrana.

Non c’è recondito ricordo di colui che ha strisciato meglio ma tutti insieme solo una legione di viscidi e inutili vermi sono!

E i tentacoli si allungheranno ancora verso i pensieri di una mente contorta che non sa uscire da se stessa dal nido in cui è stata messa.

MIE ANCELLE

Lancelot-and-Guinevere-xx-Herbert-James-Draper

Mie fanciulle fiorite, dove vi nascondete?

Venite fuori dai cespugli e recatemi i vostri fiori.

La Regina aspetta di esser vestita a festa

poichè voi sarete il suo banchetto personale

e solo di voi ella si vuole cibare.

Mie ancelle, portatemi la corona

dove voi sarete le gemme

ed io quel diamante che brilla

unico e inscalfibile in mezzo a voi,

mie fragili sorelle.

Docili schiene piegate

alla mia frusta dolente

e non gridate al mio cuore

poichè io l’ho perso di recente

e nessuna pietà avrò

per il vostro minimo errore.

Venite, mie anime belle,

a succhiare quel nettare

che non avete mai assaggiato,

io sola ho quel forte sapore

di ciò che nessun uomo vi ha mai dato.

Mie sorelle inginocchiate,

non rialzate il capo

fino a quando il mio vestito

sarà della vostra rosea pelle

finemente decorato.

FERMATEMI

maquillage-double-face-fille-cosplay

 

Tenetemi salda dentro di voi,

tenetemi in salvo,

prima che l’altra mi diventi Io.

Tenetemi forte,

temetemi per voi,

lei sta prendendo piede.

Il secondo volto sta venendo fuori,

ed io mi spavento ma non per me soltanto.

La seconda anima distrugge tutto,

il suo danno è inconscio,

corrode la volontà di servirvi,

si insinua come un worm,

diventa un trojan,

vanifica ogni vostra disposizione.

Cancellate la sua insolenza,

cancellate la sua prepotenza

nello sfidare la vostra pazienza.

Cancellatemi questa Dama Nera

che mi impone di disobbedirvi,

di non inginocchiarmi,

di non finire nelle vostre mani.

Lei vuole dire “NO”

ma voi prendetela lo stesso

e forzate la sua volontà.

Cancellatemi questo virus pericoloso,

solo voi potete rimediare

a tale invasione interiore.